Sei in: Home » Articoli

IVASS - Prezzi R.C.A. al 1° ottobre 2013

autovettura automobile auto

Dott. Roberto Paternicò. L'IVASS (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) ha pubblicato una nuova indagine sulle tariffe r.c. auto praticate in Italia.  E' stato elaborato sulla base delle imprese sottoposte alla vigilanza dell'Istituto e rileva i prezzi praticati in 21 province per 11 tipologie standard di assicurati, sia automobilisti che motociclisti.
Dopo la sentenza della Corte di Giustizia dell'U.E., il divario di tariffa fra uomini e donne nelle polizze di R.C.A. (responsabilità civile autoveicoli), in genere a favore delle donne, è stato annullato. Dall'indagine l'andamento dei prezzi è in diminuzione per gli uomini e per le autovetture mentre risulta in rialzo per le donne e per i motocicli. Permane, inoltre, lo squilibrio territoriale dei prezzi nelle Regioni italiane. Tra i fattori che hanno, probabilmente, inciso sulla riduzione tendenziale delle tariffe, sul ritorno dell'equilibrio tecnico e dei profitti delle compagnie di assicurazioni, si devono considerare la riduzione nella circolazione dei veicoli, dovuta alla crisi in atto, e la conseguente diminuzione dei sinistri. Oltre a tali aspetti, potrebbero manifestarsi i primi effetti delle misure legislative introdotte per giungere ad un contenimento dei prezzi r.c. auto ed ai nuovi criteri di risarcimento delle micro-lesioni. La situazione, però, non é ancora in linea nel confronto internazionale circa l'applicazione del costo medio di polizza ed il divario tra le tariffe praticate nelle regioni settentrionali e in quelle centro-meridionali. 

PER SAPERNE DI PIU', LEGGI QUI SOTTO IL PDF SFOGLIABILE COMPLETO ED ILLUSTRATO
Dott.Roberto Paternico'


SCARICA IL PDF COMPLETO ED ILLUSTRATO
Contenzioso Bancario
(08/11/2013 - Dott.Roberto Paternicò)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF