Sei in: Home » Articoli

Cassazione: onere di mantenimento, età ed indipendenza economica dei figli. Quando l'obbligo permane a carico dei genitori

studenti università

di Licia Albertazzi  - Corte di Cassazione Civile, sezione prima, sentenza n. 24493 del 30 Ottobre 2013. Fino a quando permane l'obbligo per il genitore di provvedere al mantenimento del figlio? L'indirizzo giurisprudenziale della Suprema Corte in questo senso è ormai consolidato: non basta che lo stesso abbia raggiunto la maggiore età ma occorre che, nel caso specifico, il figlio consegua piena indipendenza economica. Sottolinea infatti la Corte come l'obbligo di corrispondere l'assegno di mantenimento permane finché il genitore interessato non dia prova che il figlio ha raggiunto l'indipendenza economica, ovvero è stato posto nelle concrete condizioni per potere essere economicamente autosufficiente”.

Vi è tuttavia un limite a tale obbligo. Come nel caso di specie in cui il figlio, ormai ventottenne, frequenta ancora, con diversi anni di ritardo, il corso di laurea specialistica, senza tuttavia svolgere alcuna attività lavorativa utile a renderlo indipendente dalla famiglia. Precisa la Cassazione, infatti, che l'indipendenza economica non deve essere uno scudo elevato a “scusa” per il figlio poiché, subito dopo, aggiunge che a tale situazione di mancata autosufficienza sia equiparata solo quella per cui sia “stato posto nelle concrete condizioni per potere essere economicamente autosufficiente, senza averne però tratto utile profitto per sua colpa o per sua scelta”. Non vale dunque nel caso in cui il figlio, pur avendone le possibilità e le qualifiche professionali, rifiuti ingiustificatamente qualsiasi formula lavorativa. Poichè nei gradi di merito tale circostanza non è stata riscontrata, è giusto quindi confermare l'onere a carico del genitore, laddove il figlio sia impegnato, nonostante l'età, in un percorso professionale e formativo che ancora non gli consente una piena indipendenza monetaria.


Vai al testo della sentenza 24493/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/11/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF