Sei in: Home » Articoli

INPS: chiarimenti in merito alla misura di sostegno al reddito (una tantum) in favore dei collaboratori a progetto

inps
Con il Messaggio 22 ottobre 2013, n. 16961 l'INPS fornisce precisazioni, di natura amministrativa e procedurale, in merito alla misura di sostegno al reddito (una tantum), introdotta dalla Riforma Fornero, in favore dei collaboratori a progetto iscritti in via esclusiva alla Gestione separata dell'INPS.
I chiarimenti forniti dall'istituto, a seguito di quesiti, sono relativi: al Reddito lordo complessivo soggetto a imposizione fiscale non superiore al limite di 20.000 euro annualmente rivalutato sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati; ai Periodi di tutela della maternità;  ai contratti di collaborazione stipulati con la pubblica amministrazione;    al Periodo ininterrotto di disoccupazione di almeno due mesi:  all'Iscrizione esclusiva alla Gestione separata
Sempre nel messaggio l'Inps afferma che la prestazione è soggetta a tassazione separata ai sensi dell'art. 17 del TUIR; in attesa della procedura definitiva si applica l'aliquota del 23% sull'importo o sugli importi da erogare, e che la prestazione deve essere erogata in un'unica soluzione se l'importo lordo della prestazione è pari o inferiore a 1000 euro o in rate mensili lorde pari o inferiori a 1000 euro se l'importo lordo complessivo è superiore a 1000 euro.
Inoltre dal punto di vista degli interessi legali l'Istituto stabilisce che al fine di evitare la decorrenza di interessi legali sull'indennità dei co.co.pro., è necessario liquidare la prestazione entro 120 giorni dalla data della domanda, laddove completa, ovvero dalla data del suo perfezionamento, ove fosse stata presentata incompleta.
 Infine per supportare l'attività degli operatori di sede è stata realizzata un'applicazione in ambito Intranet raggiungibile attraverso il seguente percorso: Processi / Prestazioni a Sostegno del Reddito / Servizi / Indennità Co.Co.Pro.
L'applicazione, nella sua prima versione, consente agli operatori di visualizzare la lista delle domande pervenute in via telematica e li aiuta nella fase di calcolo degli importi, delle rate e di pianificazione dei successivi pagamenti.
Al fine di garantire il graduale passaggio alla modalità telematica in via esclusiva, è prevista attualmente una fase di transizione in cui l'applicazione consente di inserire anche manualmente le istanze cartacee pervenute direttamente nelle Sedi.
L'INPS provvede al costante monitoraggio della spesa fornendo report periodici ai Ministeri vigilanti.
Poiché non è possibile -dato l'utilizzo della procedura pagamenti vari- l'estrazione di un report unico da parte delle Direzioni scriventi, l'Istituto richiede l'invio alla Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito, entro il 30 ottobre 2013, per il tramite delle Direzioni Regionali, dei seguenti dati -con anno di riferimento 2013- domande pervenute, respinte, liquidate, importo totale dell'indennità liquidato.
Testo del messaggio 22 ottobre 2013, n. 16961
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/10/2013 - L.S.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF