Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Il minore dichiarato adottabile non torna in famiglia se le prospettive di recupero dei genitori richiedono tempi lunghi

minore adolescente figlio affidamento minorenne

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, sezione I, sentenza n. 23892 del 22 ottobre 2013. ╚ adottabile il minore anche se i genitori (che per loro comportamenti ne hanno determinato lo stato di adottabilitÓ) hanno manifestato le migliori intenzioni di seguire un iter terapeutico per risolvere le loro problematiche. Le prospettive di recupero, infatti, se necessitano di tempi lunghi, possono non essere compatibili con le esigenze del figlio. E' quanto ha stabilito la Corte di Cassazione Civile, con la sentenza 22 ottobre 2013, n. 23892.

Nel caso di specie, il Tribunale per i Minorenni dichiarava lo stato di adattabilitÓ del minore: avverso tale decisione ricorrevano in appello la madre, la nonna paterna e il padre del minore. La corte d'appello accoglieva i ricorsi e revocava la dichiarazione di adattabilitÓ del minore. In Cassazione ricorrono il curatore speciale e il tutore del minore. La legge sull'adozione non intende sanzionare il comportamento dei genitori, ma si ispira alla tutela esclusiva dell'interesse del minore

Il minore stesso non pu˛ essere allontanato sempre e comunque dalla sua famiglia di origine, pur in presenza di gravi situazioni a rischio dei genitori, quali malattie mentali o tossicodipendenze; la permanenza o il ritorno del fanciullo in famiglia pu˛ peraltro verificarsi solo a condizione che tali situazioni siano risolvibili in tempi compatibili con quelli di crescita del minore oppure quando vi siano parenti che giÓ abbiano assunto con lui rapporti significativi, in grado di svolgere una funzione genitoriale vicariante ed assicurare al minore stesso le condizioni morali e materiali per garantirgli un percorso di sviluppo corretto, sereno e equilibrato. La mera manifestazione di disponibilitÓ dei genitori o dei parenti ad accudire i minori non rileva se non accompagnata da comportamenti significativi, concretamente valutabili e tali da assicurare lo sviluppo dei minori stessi, unico ed esclusivo criterio di riferimento per l'interprete.


Vai al testo della sentenza 23892/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/10/2013 - C.G.)
Le pi¨ lette:
» EreditÓ: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF