Sei in: Home » Articoli

Il contrassegno elettronico nell'R.C.A.

auto id14478

Dott. Roberto Paternicò. Nella Gazzetta Ufficiale del 3 ottobre 2013 è stato pubblicato il decreto 9 agosto 2013, n. 110 del Ministro dello sviluppo economico recante norme per la progressiva dematerializzazione dei contrassegni di assicurazione per la responsabilita' civile verso i terzi per danni derivanti dalla circolazione dei veicoli a motore su strada, attraverso la sostituzione degli stessi con sistemi elettronici o telematici, in attuazione dell'articolo 31 del D.L. n. 1 del 2012. Il Provvedimento entrerà in vigore il 18 Ottobre 2013.

Come è noto, sino ad oggi, Il codice della strada prevede l'obbligo di esposizione sugli autoveicoli e motoveicoli, esclusi i motocicli, del contrassegno attestante il pagamento relativo all'assicurazione obbligatoria. L'assicurazione obbligatoria fu introdotta in Italia con la Legge 990 del 24.12.1969. Se si circola su strada senza la copertura assicurativa, l'art. 193 del Codice della Strada prevede sanzioni pecuniarie e il sequestro dell'automobile.

Oggi, il legislatore “norma” l'avvento del cd. “contrassegno elettronico” che dovrebbe evitare la falsificazione di quelli cartacei (tagliando assicurazione auto)  ed una maggiore sicurezza.



PER SAPERNE DI PIU', LEGGI QUI SOTTO IL PDF SFOGLIABILE COMPLETO ED ILLUSTRATO
Dott.Roberto Paternico'


SCARICA IL PDF COMPLETO ED ILLUSTRATO
Contenzioso Bancario
(25/10/2013 - Dott.Roberto Paternicò)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF