Sei in: Home » Articoli

Cassazione: cessione del ramo d'azienda e limiti di sindacabilità della sentenza d'appello

lavoro fabbrica industria licenziamento lavoratore

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 23357 del 15 Ottobre 2013. E' illegittimo il licenziamento del dipendente intervenuto a seguito di cessione del ramo d'azienda se il lavoratore, di fatto, viene comunque mantenuto in forze nello stesso reparto ceduto e se lo stesso reparto, prima della cessione, ha subito un mutamento ad hoc che di fatto non ha mutato l'assetto organizzativo ma ne ha solo cambiato la denominazione; a maggior ragione se il dipendente, prima che fosse perfezionata l'operazione, ha espresso il proprio dissenso circa la stessa cessione.

Il lavoratore ha impugnato il licenziamento, ottenendo dal giudice di primo e secondo grado la reintegrazione in azienda nonché il risarcimento del danno per il torto subito. La Suprema Corte rigetta il ricorso proposto dall'azienda, limitandosi a confermare la logicità della motivazione redatta dal giudice d'appello: la Cassazione è infatti giudice di legittimità e non ha potere di sindacare il merito delle scelte effettuate dal giudice di secondo grado nel pronunciare la sentenza impugnata, se non nei limiti di cui all'art. 360 c.p.c. Il ricorso in Cassazione è infatti c.d. “a critica vincolata” e la Suprema Corte ha soltanto il potere di sindacare laddove ravvisi, al limite, carenza o contraddittorietà di motivazione dovuta ad erronea interpretazione ed applicazione di norme giuridiche. Circostanza che, nel caso in oggetto, non si è verificata.

Vai al testo della sentenza 23357/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/10/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF