Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Non è incompatibile la professione forense con la titolarità di un distributore di carburanti

benzina carburante

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, Sezione Lavoro, sentenza n. 23536 del 16 ottobre 2013. 

Deve escludersi che si possa configurare una incompatibilità con la professione forense con la mera titolarità di una concessione economica come quella per la distribuzione di carburanti, laddove l'impianto sia poi gestito da terzi, dal momento che (l'avvocato titolare) non è investito di alcun potere di gestione dell'impresa né di rappresentanza: ne consegue che non si può negare all'interessato l'iscrizione alla cassa forense. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza 16 ottobre 2013, n. 23536.

Il giudice di merito evidenzia come l'articolo 3, regio decreto legge 1578/1933, distingue espressamente casi di incompatibilità con la professione di avvocato collegati all'esercizio di attività, quali il commercio in nome proprio o altrui, da altri collegati, invece, all'assunzione di una determinata qualità; inoltre, essendo documentalmente provato che la sola titolarità della concessione faceva capo all'interessato, in quanto l'attività di gestione degli impianti era affidata a terzi, non sussiste alcuna incompatibilità, stante la prevista scissione tra titolarità ed esercizio della concessione da parte dell'articolo 16, decreto legge 745/70. La Corte di Cassazione sottolinea ulteriormente che l'incompatibilità dell'esercizio della professione forense di cui all'articolo 3, regio decreto legge 1578/1933, che preclude, ex articolo 2, comma 3 ,legge 319/75, sia l'iscrizione alla Cassa, sia la considerazione ai fini del conseguimento di qualsiasi trattamento previdenziale forense del periodo di tempo in cui l'attività incompatibile sia svolta, è quella con l'esercizio del commercio in nome proprio o in nome altrui. La mera titolarità della concessione per impianti di carburanti non è ostativa all'esercizio della professione forense.

Vai al testo della sentenza 23536/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/10/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF