Sei in: Home » Articoli

Lavori sulle strade non segnalati? Paga l'impresa

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n° 17851/ 2003) ha stabilito che le imprese che eseguono lavori sulle strade sono responsabili dei danni causati agli automobilisti per mancanza dei sistemi di segnalazione atti ad avvertire il pericolo. I Giudici del Palazzaccio hanno inoltre precisato che "l'esecuzione dei lavori sulla strada pubblica è da considerare attività pericolosa ai sensi dell?articolo 2050 c.c., costituendo i lavori fonte di pericolo" e che, di conseguenza, "chi esercita l'attività è soggetto alla presunzione stabilita dalla norma sopra indicata in relazione ai danni subiti dagli utenti della strada a causa e nello svolgimento dell?attività". Con questa decisione la Corte ha inoltre sottolineato che "chi pone in essere un'attività pericolosa è tenuto ad organzzarla in forme tali che risulti scongiurata l'eventualità che la pericolosità trasmodi in danno concreto" e che l'esercente l'attività, nella scelta delle misure di protezione, "dispone di un margine di discrezionalità da esercitare facendo uso della normale prudenza e tenendo conto dello sviluppo della tecnica e delle condizioni pratiche in cui si svolge l?attività".
(22/01/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolarlo online e il calcolo manuale
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
In evidenza oggi
Cane fa pipì in strada, multa da 157 euroCane fa pipì in strada, multa da 157 euro
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF