Sei in: Home » Articoli

Legge di stabilità. Letta assicura: niente tagli alla sanità. In allegato la rassegna stampa

tasse soldi euro iva ici imu
Il governo è pronto a presentare la legge di stabilità al Parlamento, ha dichiarato il premier Letta, spiegando che non ci saranno tagli alla sanità come si era inizialmente ipotizzato nelle bozze circolate in questi giorni.
E non aumenteranno neppure le tasse sulle rendite finanziarie: ci sarà solo un aumento dell'imposta di bollo.
Non ci saranno poi né tagli sul sociale né nuove tasse,  anzi, la pressione fiscale andrà a diminuire assicura Letta.

Per quanto riguarda la riduzione del cuneo fiscale e gli incentivi alle imprese ci sarà una progressiva riduzione delle tasse nell'arco di tre anni. Si parla di una riduzione del cuneo fiscale di 5 miliardi per i lavoratori ed i 5,6 miliardi per le imprese. Un incentivo è stato previsto anche per le ipotesi di passaggio da un contratto a tempo determinato ad un contratto a tempo indeterminato.

Si prevede anche un allentamento del patto di stabilità per i comuni per 1 miliardo di euro.
Il governo, spiega Letta, troverà le necessarie risorse  per una manovra da 26,5 miliardi (11,5 per il 2014,  7,5 per il 2015 e 7,5 per il 2016), andando anche a colpire i capitali esportati illegalmente.
Per quanto riguarda le coperture per il 2014, vi saranno in primo luogo tagli alla spesa di Stato e Regioni, dismissioni immobiliari e  revisione del trattamento delle perdite di banche ed altri intermediari.
Con la legge di stabilità spiega Letta siamo usciti dalla procedura d'infrazione e possiamo rispettare gli impegni assunti con l'Europa.

Per il resto  sembra confermato l'arrivo della nuova tassa sulle case (la Trise). Si tratta di un'imposta suddivisa in due componenti la Tari e la Tasi che vanno a coprire i costi dei servizi per la gestione dei rifiuti e per quelli relativi ai servizi indivisibili dei comuni. La Tari andrà a coprire i costi per la gestione dei rifiuti urbani, mentre la Tasi servirà a dare copertura ai costi per i servizi indivisibili dei Comuni. Sarà invece abolita l'IMU sulla prima casa diventando permanente per tutti gli altri immobili.

C'è anche un blocco alla rivalutazione delle pensioni sopra i 3mila euro, mentre  la rivalutazione sarà parziale (dal 50% al 90%) per quelle pensioni che superano di tre volte il trattamento minimo Inps: sono previsti diversi scaglioni di rivalutazione (90, 75, 50%) rispettivamente per i trattamenti superiori a 3, 4 o  5 volte il trattamento minimo Inps.

Qui di seguito una rassegna stampa sulle principali notizie nel Web relative alle legge di stabilità:
» La legge di stabilità, in 20 punti - Il Post
    Wed, 16 Oct 2013 07:44:29 GMT
» Legge di stabilità, per i consumatori - TGCOM
    Thu, 17 Oct 2013 20:08:39 GMT

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/10/2013 - N.R.)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF