Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: limiti di validità ed efficacia delle preclusioni contenute nel regolamento condominiale

bar barista

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione seconda, sentenza n. 22892 dell'8 Ottobre 2013. Nel caso di specie un condomino ha impugnato la delibera condominiale confermante la destinazione d'uso di tre locali posti al piano terra di un complesso condominiale (un bar con annessa sala ricreativa). A dire del proponente la delibera sarebbe contraria al dettato del regolamento di condominio che “faceva divieto di destinare gli alloggi individuali ed i locali condominiali ad attività incompatibili con il decoro e la tranquillità dell'edificio”. Denunciava il condomino che il locale, rimanendo aperto sino a tarda notte e commerciando in tabacchi ed alcolici, arrecava ripetutamente disturbo all'intero palazzo, oltre i limiti di tollerabilità garantiti dalla legge.

La richiesta viene accolta in primo grado, mentre viene parzialmente rigettata a seguito di impugnazione del soccombente. A seguito di ricorso in Cassazione conferma la Suprema Corte come non rientri nel potere del regolamento condominiale il limitare il godimento delle unità abitative destinate a proprietà esclusiva dei singoli condomini; in caso contrario tale facoltà si tradurrebbe in un'ingiustificata compressione del diritto individuale al godimento del bene, lecito soltanto ove vi sia il consenso espresso del titolare (circostanza che, nel caso in oggetto, non si è verificata). La Cassazione accoglie tuttavia la doglianza relativa alla richiesta di risarcimento del danno proposta dal condomino ricorrente, poiché di fatto separato rispetto alla domanda principale.


Vai al testo della sentenza 22892/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/10/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debitoEquitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungateCorrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF