Sei in: Home » Articoli

Guida in stato di ebbrezza: farmaco o bevanda? Per la Cassazione, nessun distinguo.

auto blu strada rc autovelox
Dott. Lorenzo Giovarelli - Cassazione penale, sez. IV, n. 26972 del 06 giugno 2013.

Con la sentenza in oggetto, la Cassazione si pronuncia ancora una volta in merito al reato di cui all'art. 186 co. 2 del Codice della Strada che punisce chi è colto alla guida di veicoli in stato di alterazione dovuto alla assunzione di bevande alcooliche.

Il ricorrente, (già condannato dai giudici della Corte di appello in ragione di tasso alcoolemico rilevato di 1,33 e 1,40 grammi per litro di sangue ed evidente sintomatologia tipica) deduceva una errata applicazione della norma in discorso da parte dei giudici di merito, sul presupposto che, trattando questa di sole "bevande" alcooliche, la fattispecie non potesse essere ricondotta ad una mera assunzione di farmaco per mal di gola a base alcoolica , privo oltretutto, di controindicazioni. 

Lo stesso difatti sosteneva che il proprio stato di alterazione, rilevato dall'organo di Polizia Stradale procedente, fosse dovuto all'alcool contenuto nella formulazione del farmaco assunto.

Secondo la Corte, però, questa interpretazione non trova alcun riscontro in un'ottica di generale tutela della pubblica incolumità entro la quale la norma si muove: il termine bevanda, da questo punto di vista, va necessariamente equiparato a quello di "sostanza", termine atto dunque a ricomprendere qualsiasi tipo di elemento alcoolico assunto, idoneo a determinare uno stato di ebbrezza.
Ricorso respinto dunque, ed automobilista condannato.
Dott. Lorenzo Giovarelli - giovarelli.lorenzo@gmail.com

Tag: Guida in stato di ebbrezza

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/10/2013 - Dott. Lorenzo Giovarelli)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
» Commette reato per il praticante che si spaccia per avvocato
In evidenza oggi.
L'avvocato incompetente va sanzionato
Auto: addio al libretto, arriva il foglio unico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF