Sei in: Home » Articoli

INPS: comunicazioni Unilav ed effetti sulla decadenza dal trattamento di integrazione salariale

inps
L'Inps, con messaggio del 25 settembre 2013, n. 15079, ha chiarito che - a seguito di quanto previsto dall'art. 9, comma 5, D.L. 76/2013, conv. con mod. in L. 9.8.2013 n. 99 -  qualora sia presentata la comunicazione preventiva obbligatoria da parte del datore di lavoro, essa deve essere considerata equipollente alle dichiarazioni previste a carico del lavoratore

Non deve, dunque, procedersi alla declaratoria di decadenza dal diritto all'integrazione salariale, ovvero dal diritto all'indennità di mobilità, in presenza di detta comunicazione datoriale, verificabile dall'Istituto tramite la procedura UNILAV, anche qualora il lavoratore abbia omesso di effettuare all'Inps la corrispondente propria comunicazione ai sensi, rispettivamente, dell'art.8, comma 5, L. 160/88 (comunicazione preventiva) e dell'art. 9, comma 1, lett. d) L. n. 223/1991 (comunicazione successiva).

In tali casi - si legge nel messaggio dell'Istituto - verificata la rioccupazione dal sistema UNILAV, l'INPS deve sospendere il trattamento di integrazione salariale (o erogarne la parte spettante in base alla disposizioni di cui alla circ. 130/2010). Medesima sospensione, ai sensi dell'art. 8, comma 6 e 7 L. n. 223/1991, dovrà essere effettuata per l'indennità di mobilità in caso di rioccupazione a tempo determinato o parziale, mentre in caso di rioccupazione a tempo indeterminato l'indennità di mobilità, come è noto, non dovrà essere più erogata dalla data di assunzione.
(29/09/2013 - L.S.)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
Multe stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartellaMulte stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartella
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF