Sei in: Home » Articoli

INPS: comunicazioni Unilav ed effetti sulla decadenza dal trattamento di integrazione salariale

inps
L'Inps, con messaggio del 25 settembre 2013, n. 15079, ha chiarito che - a seguito di quanto previsto dall'art. 9, comma 5, D.L. 76/2013, conv. con mod. in L. 9.8.2013 n. 99 -  qualora sia presentata la comunicazione preventiva obbligatoria da parte del datore di lavoro, essa deve essere considerata equipollente alle dichiarazioni previste a carico del lavoratore

Non deve, dunque, procedersi alla declaratoria di decadenza dal diritto all'integrazione salariale, ovvero dal diritto all'indennitÓ di mobilitÓ, in presenza di detta comunicazione datoriale, verificabile dall'Istituto tramite la procedura UNILAV, anche qualora il lavoratore abbia omesso di effettuare all'Inps la corrispondente propria comunicazione ai sensi, rispettivamente, dell'art.8, comma 5, L. 160/88 (comunicazione preventiva) e dell'art. 9, comma 1, lett. d) L. n. 223/1991 (comunicazione successiva).

In tali casi - si legge nel messaggio dell'Istituto - verificata la rioccupazione dal sistema UNILAV, l'INPS deve sospendere il trattamento di integrazione salariale (o erogarne la parte spettante in base alla disposizioni di cui alla circ. 130/2010). Medesima sospensione, ai sensi dell'art. 8, comma 6 e 7 L. n. 223/1991, dovrÓ essere effettuata per l'indennitÓ di mobilitÓ in caso di rioccupazione a tempo determinato o parziale, mentre in caso di rioccupazione a tempo indeterminato l'indennitÓ di mobilitÓ, come Ŕ noto, non dovrÓ essere pi¨ erogata dalla data di assunzione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/09/2013 - L.S.)
Le pi¨ lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'Ŕ dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietÓ
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione Ŕ abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio Ŕ stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF