Sei in: Home » Articoli

Cassazione: insidia stradale e responsabilitÓ della Pubblica Amministrazione

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 16527/2003) ha stabilito che il comportamento abnorme dei cittadini, esclude la responsabilitÓ della Pubblica Amministrazione per i danni provocati da situazioni di pericolo sulle strade. I Giudici di Piazza Cavour hanno affermato che nel caso in cui il danno sia provocato dal comportamento abnorme del cittadino, "difetta il presupposto per l'operare della presunzione di responsabilitÓ di cui all'art. 2051 c.c., atteggiandosi in tal caso la cosa come mera occasione e non come causa del danno" e che, inoltre, "il giudizio sulla pericolositÓ delle cose inerti, non pu˛ prescindere da un modello relazionale per cui la cosa venga vista nel suo normale interagire con contesto dato e che un cosa inerte pu˛ definirsi pericolosa quando determini un alto rischio di pregiudizio nel contesto normale interazione con la realtÓ circostante". Con questa decisione i Giudici di Piazza Cavour hanno rigettato il ricorso di un cittadino che aveva citato il Comune per ottenere il risarcimento dei danni subiti in seguito all'urto contro un ramo di un albero che fiancheggiava una strada urbana e che gli aveva provocato lesioni alla palpebra.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/01/2004 - Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza Ŕ remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF