Sei in: Home » Articoli

Locazioni immobili: non vale il patto di limitazione di responsabilità del locatore se ha taciuto vizi del bene

appartamento locazione casa

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, sezione III, sentenza n. 19806 del 28 agosto  2013. Le clausole contrattuali di gradimento del bene e di accollo da parte del conduttore di ogni onere di adattamento del bene all'uso pattuito non possono operare quando i vizi definitivamente riscontrati nel bene oggetto di locazione sono tali da renderlo inidoneo a quell'uso. Il patto con cui si limita o si esclude la responsabilità del locatore per i vizi della cosa non ha effetto se il locatore li ha in mala fede taciuti al conduttore o se i vizi sono tali da rendere impossibile il godimento della cosa. E' quanto stabilito dalla Corte di Cassazione Civile, con la sentenza 28 agosto 2013, n. 19806.

Nel caso di specie, a cui si applica la disposizione prevista dall'articolo 1579, codice civile, secondo cui “il patto con cui si limita o si esclude la responsabilità del locatore per i vizi della cosa non ha effetto, se il locatore li ha in mala fede taciuti al conduttore oppure se i vizi sono tali da rendere impossibile il godimento della cosa” non si configura nessuna violazione di legge denunciata dal ricorrente se al momento della stipulazione del contratto il locatore ha offerto una rappresentazione delle caratteristiche e condizioni dell'immobile diverse da quella reale. Inoltre, il locatore dell'immobile non ha diritto al risarcimento del danno, se risulta, dagli atti di causa, che il danno causato alla cosa locata (nel caso di specie, il danno per occlusione dello scarico) non è stato provocato dal conduttore e, comunque, non risulta provato nel suo ammontare, non indicando, il richiedente, altri danni risarcibili.

Vai al testo della sentenza 19806/2013
(06/09/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF