Sei in: Home » Articoli

Straniero vittima di sinistro stradale: per la liquidazione del risarcimento dei danni ai parenti non opera il principio di reciprocità

incidente pedone

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, sezione III, sentenza n. 19788 del 28 agosto  2013. In tema di risarcimento del danno morale ai parenti della vittima straniera di un sinistro stradale non opera il principio della reciprocità in quanto allo straniero, per il solo fatto di essere presente nel nostro Paese, devono essere riconosciuti i diritti fondamentali della persona umana previsti dalla legislazione internazionale, tra cui sono annoverati l'intangibilità degli affetti e della solidarietà della famiglia, nonché l'interesse all'integrità morale ove pregiudicata da ingiusta sofferenza. E' quanto deciso dalla Corte di Cassazione Civile, con la sentenza 28 agosto 2013, n. 19788.

È inoltre palesemente discriminatorio considerare che il danno morale, che prescinde dalla capacità produttiva di reddito da parte della vittima, non sia ragguagliato all'intensità delle sofferenze patite per la perdita del congiunto, ma sia ricollegabile alla nazione di appartenenza e ai differenziati usi e costumi delle varie società. La Corte di Cassazione, con sentenza n. 8212/2013, aveva già ribadito che l'articolo 16, disp. preliminari cod. civ., nella parte in cui subordina alla condizione di reciprocità l'esercizio dei diritti civili da parte dello straniero, pur essendo tuttora vigente, deve essere interpretato in modo costituzionalmente orientato, alla stregua del principio enunciato dall'articolo 2, Costituzione, che assicura tutela integrale ai diritti inviolabili della persona: ne consegue che allo straniero è sempre consentito, a prescindere da qualsiasi condizione di reciprocità, domandare al giudice italiano il risarcimento del danno, patrimoniale e non, derivato dalla lesione di diritti inviolabili della persona (quali il diritto alla salute e ai rapporti parentali o familiari) ogniqualvolta il risarcimento dei danni sia destinato ad essere disciplinato dalla legge nazionale italiana.

Vai al testo della sentenza 19788/2013
(09/09/2013 - C.G.)
Le più lette:
» I procedimenti in camera di consiglio
» Responsabilità medica: reato di omicidio per il sanitario che sbaglia il triage
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Studi legali: addio al chiuso per ferie
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificatiAvvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificati
Divorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglieDivorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglie
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
" target="_top"> 'Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario '
'La notifica a mezzo servizio postale di un atto giudiziario, non consegnato personalmente al destinatario, si perfeziona soltanto alla data della notizia che l’ufficio postale dà a mezzo della raccomandata informativa '
' ' '
' '
' ' %>
Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF