Sei in: Home » Articoli

Sinistri stradali: validità ed efficacia delle dichiarazioni espresse nel C.I.D.

autostrada strada rc auto incidente autovelox

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, sezione III, sentenza n. 18764 del 7 agosto 2013. La dichiarazione confessoria contenuta nel modulo di constatazione amichevole del sinistro (c.d. C.I.D.) resa dal responsabile del danno proprietario del veicolo assicurato e litisconsorte necessario, non ha valore di piena prova nemmeno nei confronti del solo confitente, ma deve essere liberamente apprezzata dal giudice, dovendo trovare applicazione la norma di cui all'articolo 2733, comma 3, codice civile, secondo la quale, in caso di litisconsorzio necessario, la confessione resa da alcuni soltanto dei litisconsorti è, per l'appunto, liberamente apprezzata dal giudice.  Inoltre, la controversia deve svolgersi in maniera unitaria fra i tre soggetti (danneggiato, assicuratore, responsabile) del rapporto processuale e coinvolge sia il rapporto di danno, originato dal fatto illecito dell'assicurato, sia il rapporto assicurativo, con la derivante necessità che il giudizio deve concludersi con una decisione uniforme per tutti i soggetti che vi partecipano. E' quanto si evince dalla sentenza della Corte di Cassazione Civile, 7 agosto 2013, n. 18764.

Infatti, avuto riguardo alle dichiarazioni confessorie rese dal responsabile del danno, deve escludersi che, nel giudizio instaurato ai sensi dell'articolo 18, della legge 990/1969, sia nel caso in cui sia stata proposta soltanto l'azione diretta sia nell'ipotesi in cui sia stata avanzata anche la domanda di condanna nei confronti del responsabile del danno, si possa pervenire ad un differenziato giudizio di responsabilità in base alle suddette dichiarazioni, in ordine ai rapporti tra responsabile e danneggiato, da un lato, e danneggiato e assicuratore dall'altro. E' giurisprudenza consolidata della Suprema Corte, infatti, che, nel giudizio promosso dal danneggiato nei confronti dell'assicuratore della responsabilità civile da circolazione stradale, il responsabile del danno, che deve essere chiamato nel giudizio sin dall'inizio, assume la veste di litisconsorte necessario.

Vai al testo della sentenza 18764/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/09/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Avvocati: la petizione contro la Cassa forense arriva nei tribunali
» Caduta sulle scale bagnate? Paga il condominio
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF