Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocatura di Diritto Infermieristico: Il computo dell'indennità risarcitoria da licenziamento illegittimo in caso di rifiuto all'invito di reintegra.

Medici in sala operatoria
Alcuni infermieri hanno impugnato vittoriosamente il proprio licenziamento che il tribunale ha dichiarato illegittimo. Cosa fare se in corso di causa o alla sentenza l'infermiere trovasse un nuovo lavoro, migliore del precedente e ben remunerato? Cosa succederebbe se l'infermiere rifiutasse l'ordine di reintegrazione del giudice? Si deve pagare una penale o, al contrario, sarà il datore di lavoro a pagare per aver liberato un posto di lavoro? Capita, ora raramente, che a seguito di licenziamento illegittimo, così dichiarato all'esito di un ricorso ex art. 18, L. n. 300/70, l'infermiere in servizio presso una società cooperativa, una casa di cura o nel S.S.N., decida di rifiutare l'invito, rivolto dal datore ma deciso dal giudice, di reintegrazione nel posto di lavoro precedentemente occupato ... Continua a leggere (articolo in PDF)
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/08/2013 - Prof. Mauro Di Fresco)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Milleproroghe: approvate le norme sugli avvocati
» Avvocati: via libera alla rottamazione dei debiti con la Cassa
In evidenza oggi.
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF