Sei in: Home » Articoli

Apertura alla concorrenza dei servizi postali della Comunità

Il Consiglio dei Ministri del 12 dicembre 2003 ha approvato un decreto legislativo di attuazione della direttiva 2002/39/CE che modifica la direttiva 97/67/CEE, relativamente all'ulteriore apertura alla concorrenza dei servizi postali della Comunità. Il provvedimento intende dare prosecuzione al processo di apertura alla concorrenza dei mercati postali della comunità, garantendo l'espletamento del servizio universale, l'equilibrio gestionale del fornitore del servizio universale, l'apertura del mercato ad altri operatori la ristrutturazione del servizio per la completa attuazione della concorrenza, la tutela dell'occupazione.
Più in particolare il provvedimento prevede l'obbligo per l'autorità di regolamentazione del settore postale di tutelare la riserva nell'intento di garantire risorse per l'espletamento del servizio universale. Viene specificato poi che il servizio deve essere espletato tenendo conto della situazione delle isole minori e delle zone rurali e montane. Infine il provvedimento intende assicurare la concorrenza tra fornitore del servizio universale ed altri operatori per tutto ciò che attiene all'espletamento dei servizi non riservati. In ultimo il provvedimento persegue l'intento di obiettività di trasparenza e di non discriminazione nei comportamenti del fornitore del servizio universale verso clienti in genere e verso gli utenti che svolgono attività commerciali: prevede pertanto che prezzi e tariffe speciali siano opportunamente pubblicizzate ed applicate secondo i criteri prefissati.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/12/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF