Sei in: Home » Articoli

Condizioni per l'esercizio dell'azione di riduzione: quando è necessaria la preventiva accettazione con beneficio di inventario

casa id10860

di Francesca Tessitore - Cassazione civile sez. II, sentenza 3 luglio 2013, n. 16635. Il nonno novantaduenne vende tutti i suoi beni immobili ad una nipote per un prezzo irrisorio ed, alla sua morte (ab intestato), le figlie agiscono in giudizio per far accertare e dichiarare la simulazione del contratto di vendita, dissimulante una donazione e, conseguentemente, l'azione di riduzione delle disposizioni lesive della propria quota di legittima. In primo grado (come confermato in Appello) il Tribunale ha rilevato un difetto di legittimazione attiva delle attrici in quanto esse non avevano preventivamente accettato l'eredità con beneficio di inventario, condizione ritenuta necessaria ai fini dell'esperimento dell'azione di riduzione nei confronti della parte acquirente (presunta donataria).

Argomentando in forza del precedente giudicato (Cass. 19527/2005) in forza del quale "qualora il de cuius abbia integralmente esaurito in vita il suo patrimonio mediante atti di donazione, sacrificando totalmente un erede necessario, il legittimario che intenda conseguire la quota di eredità a lui riservata dalla legge non ha altra via che quella di agire per la riduzione delle donazioni lesive dei suoi diritti, (…), non sorgendo alcuna comunione ereditaria se non vi sia nulla da dividere” la Suprema Corte ha accolto il ricorso argomentando che la condizione necessaria “per chiedere la riduzione delle donazioni o delle disposizioni lesive della porzione di legittima, è soltanto quella di essere tra le persone indicate nell'art. 557 c.c., e, cioè, di rivestire la qualità di legittimario, mentre la condizione stabilita dall'art. 564, comma 1, della preventiva accettazione dell'eredità con beneficio d'inventario, vale soltanto per il legittimario che rivesta in pari tempo la qualità di erede”. Il legittimario pretermesso, infatti, non riveste la qualità di erede per il solo fatto dell'apertura della successione: l'acquisto della qualità di erede si avrà solamente a seguito del vittorioso esperimento dell'azione di riduzione essendo, attualmente, considerato un soggetto terzo e non soggetto all'accettazione con beneficio di inventario.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/07/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF