Sei in: Home » Articoli

Come calcolare il rimborso delle spese sostenute dai coeredi per le ristrutturazioni apportate sui beni ereditari

notaio business id10262

di Francesca Tessitore - Cassazione civile 28 giugno 2013, n. 16364. Alla morte del padre, uno dei tre fratelli conviene in giudizio gli altri al fine di ottenere la divisione del patrimonio ereditario. I fratelli convenuti, attori in altre pendenze nelle quali chiedevano all'odierno attore il pagamento del prezzo dei materiali e della manodopera relativamente ad opere edificate sulle proprietà cadute in successione, chiedono il rigetto della domanda attorea in quanto tra di essi vi è un accordo, stipulato verbalmente prima del decesso del padre, in merito alla spartizione del patrimonio ereditario. In primo grado il Tribunale, riuniti i giudizi, ha dapprima dichiarato che il "presunto accordo di divisione (…) avrebbe dovuto essere consacrato da un atto scritto e non poteva provarsi a mezzo testimoni" ed, in secondo luogo, ha ordinato lo scioglimento della comunione ereditaria sui beni immobili, disponendone un'assegnazione proporzionale ai coeredi, unitamente a dei conguagli, oltre ad una somma a titolo di indennità.

In secondo grado la Corte d'Appello ha confermato la sentenza di primo grado, rilevando che “alla situazione del coerede che abbia eseguito migliorie sulla cosa comune non possa applicarsi l'art. 1150 c.c., comma 5, a questo spettando, non l'indennità pari all'aumento di valore della cosa, ma il rimborso delle spese sostenute per materiali e manodopera”. La Suprema Corte ha ribadito che il presunto accordo, effettuato quando il padre era ancora in vita, aveva ad oggetto una successione non ancora aperta (quindi potrebbe integrare un patto nullo), che è necessario effettuare un distinguo tra le spese sostenute sui beni ereditari prima e dopo l'apertura della successione (in quanto, per le spese sostenute prima del decesso, l'indennità è ai sensi dell'art. 936 c.c.) ed ,infine, ha confermato il principio menzionato dalla Corte d'Appello, stabilendo che la somma può essere chiesta “quale mandatario o utile gestore degli altri partecipanti alla comunione ereditaria, il rimborso delle spese sostenute per materiali o manodopera”.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(11/08/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF