Sei in: Home » Articoli

Cassazione: prova liberatoria del responsabile della sicurezza in caso di infortunio sul lavoro del sottoposto

incidente infortunio

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 24 Luglio 2013 n. 17938. In tema di infortuni sul lavoro non sempre il datore di lavoro, o il responsabile della sicurezza che ne fa le veci (nel caso di specie, il dirigente collaudatore) è responsabile per le lesioni riportate dal sottoposto, ove il primo dimostri che il collaudo sarebbe andato a buon fine e che le mansioni assegnate al lavoratore erano adeguate rispetto alla sua qualifica ed esperienza professionale

“La responsabilità del datore di lavoro ex art. 2087 cod. civ. è di carattere contrattuale. (…) Ne consegue che la ripartizione degli oneri probatori nella domanda di danno da infortunio sul lavoro si pone negli stessi termini che nell'art. 1218 cod. civ., sull'inadempimento delle obbligazioni”. E' dunque onere del lavoratore lesionato “allegare e provare l'esistenza dell'obbligazione lavorativa, del danno, ed il nesso causale di questo con la prestazione, mentre il datore di lavoro deve provare che il danno è dipeso da causa da lui non imputabile, e cioè di avere adempiuto al suo obbligo di sicurezza, apprestando tutte le misure per evitare il danno”. Il giudice del merito aveva rilevato, nel ricostruire la dinamica dell'incidente, come in effetti, da parte dell'azienda, fossero state adottate tutte le misure di sicurezza prescritte dalla legge e di come, conseguentemente, l'evento lesivo verificatisi dovesse essere qualificato come caso fortuito. Non ravvisando alcun difetto di motivazione né violazione della legge applicata, la Suprema Corte rigetta il ricorso del lavoratore, confermando la sentenza di merito.

Vai al testo della sentenza 17938/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/07/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF