Sei in: Home » Articoli

Cassazione: sicurezza sul lavoro, sia l'appaltatore che il subappaltatore devono redigere il POS prima dell'inizio dei lavori

lavoratori edili id9490
“Il datore di lavoro di impresa esecutrice deve valutare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori ed individuare le misure di prevenzione e protezione ed i dispositivi di protezione individuali la cui necessaria adozione è stata definita attraverso la valutazione dei rischi. E' principio pacifico che la presenza di più imprese esecutrici non comporta il trasferimento o l'accentramento di siffatto obbligo in capo ad una sola delle più Imprese; ognuna di queste è tenuta a redigere un proprio P.O.S.; le ragioni di ciò sono di immediata intuibilità, posto che siffatto documento equivale al documento di valutazione del rischi, già sopra evocato.”. E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione che, con sentenza n.31304 del 22 luglio 2013, ha rigettato il ricorso di un imprenditore ritenuto responsabile perché, in qualità di amministratore unico della impresa appaltatrice dei lavori di smaltimento di lastre di eternit e sostituzione ovvero realizzazione di nuova copertura con lastre in alluminio su un immobile, aveva omesso di adottare prima dell'esecuzione dei lavori gli apprestamenti necessari a garantire l'incolumità degli addetti ai lavori, sicché un dipendente della ditta subappaltatrice della ditta che aveva ricevuto la commessa dalla ditta dell'imputato, nell'attendere ai propri compiti precipitava al suolo, riportando lesioni che ne cagionavano la morte. La Suprema Corte ha altresì precisato che il datore di lavoro subappaltatore non può in nessun caso ritenersi esente dall'obbligo di redigere il POS, nell'ambito del quale andavano quindi previste le misure contro il rischio di caduta dall'alto.
E come ciò incombeva all'imputato, nella indiscussa qualità, così incombeva ai datori di lavoro delle imprese esecutrici subappaltatrici. Non v'è alcun dubbio – affermano i giudici di legittimità – “sul fatto che l'imputato ha commesso la violazione della norma che impone la redazione del Pos e l'adozione delle misure in esse individuate (…). Nessun ‘assorbimento' di responsabilità determinato dalle omissioni riconducibili ai committenti; nessun ‘scalettamento' di responsabilità verso il basso, ovvero verso le imprese subappaltatrici.”
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/07/2013 - L.S.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF