Sei in: Home » Articoli

Cassazione: termine per impugnare decorre dalla prima notifica a uno dei due difensori.

giudice sentenza cassazione
Se l'imputato ha nominato due difensori il termine per proporre appello contro una sentenza di condanna decorre dalla prima notifica effettuata ad uno dei due avvocati.
È quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 17461 del 2013.
La Corte ha quindi considerato tardivo il ricorso di un imputato perché proposto 61º il giorno dopo la notifica a uno dei due difensori dallo stesso nominati.

A poco rileva il fatto che non si sia trattato del procuratore domiciliatario perché ai fini della notifica ciò che conta è il domicilio del procuratore (reale o eletto) e non quello indicato dalla parte.  La Corte precisa che sebbene si consideri idonea, ai fini del calcolo dei termini per l'impugnazione, la data di notifica "anche se effettuata presso il procuratore non domiciliatario" è pur vero che si deve verificare "che tale procuratore non sia esercente fuori dal circondario e non eligente domicilio ex art. 82 R.D. n. 37 del 1934".

La Corte ha respinto il ricorso anche per un altro motivo: il requisito della sommaria esposizione dei fatti che non è risultato adeguatamente soddisfatto.  I giudici della Corte hanno ricordato che risulta inammissibile il ricorso in cui l'esposizione sommaria dei fatti "sia compiuta attraverso l'allegazione o la integrale trascrizione degli atti del giudizio di merito. Tale modalità, infatti, equivale nella sostanza ad un mero rinvio agli atti di causa e viola, di conseguenza, il principio di autosufficienza del ricorso".
Vai al testo della sentenza 17461/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/07/2013 - A.V.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF