Sei in: Home » Articoli

Cassazione: licenziamento per scarso rendimento e onere della prova

cassazione sentenza
In merito alla giustificazione del licenziamento per scarso rendimento la Corte di Cassazione, con sentenza n. 17371 del 16 luglio 2013, ha ricordato, come già affermato da costante giurisprudenza, che "il rendimento lavorativo inferiore al minimo contrattuale non integra “ex se” l'inesatto adempimento che, a norma dell'art. 1218 cod. civ., si presume, fino a prova contraria, imputabile a colpa del debitore, dato che, nonostante la previsione di minimi quantitativi, il lavoratore è obbligato ad un “facere” e non ad un risultato e l'inadeguatezza della prestazione resa può essere imputabile alla stessa organizzazione dell'impresa o, comunque, a fattori non dipendenti dal lavoratore.
Conseguentemente in relazione al cosiddetto scarso rendimento, il datore di lavoro che intenda farlo valere quale giustificato motivo soggettivo di licenziamento non può limitarsi - neanche nei casi in cui il risultato della prestazione non è collegato ad elementi intrinsecamente aleatori - a provare il mancato raggiungimento del risultato atteso ed eventualmente la sua oggettiva esigibilità, ma è onerato della dimostrazione di un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali del lavoratore, quale fatto complesso alla cui valutazione deve concorrere anche l'apprezzamento degli aspetti concreti del fatto addebitato, tra cui il grado di diligenza richiesto dalla prestazione e quello usato dal lavoratore, nonché l'incidenza dell'organizzazione d'impresa e dei fattori socio-ambientali." Rigettato dunque il ricorso di un'Amministrazione Locale avverso la pronuncia dei giudici di merito che avevano dichiarato illegittimo il licenziamento comminato ad un tecnico informatico per scarso rendimento. Non emerge dall'impianto motivazionale - precisa la Suprema Corte - della pronunzia gravata che il giudice d'Appello si sia discostato dai principi enunciati, "avendo dato conto della insufficiente prova da parte del datore di lavoro, oneratone, della inadeguatezza della prestazione lavorativa in relazione ai canoni del minimo esigibile e della persistenza del comportamento inadempiente limitato ad una valutazione negativa espressa con riguardo ai sei incarichi primari assegnati al lavoratore, in relazione ai quali era stata espressa una valutazione negativa da parte del Direttore dell'Ufficio." Anche ove sia richiesto - proseguono i giudici di legittimità - un mero inadempimento e non un “notevole inadempimento” nell'ambito dei compiti assegnati nello svolgimento delle mansioni come giustificativo del recesso del datore di lavoro, prevedendo l'art. 58, lett. e) del testo contrattuale che il licenziamento senza preavviso sia irrogabile nei casi di “persistente insufficiente rendimento, ovvero per qualsiasi fatto grave che dimostri piena incapacità ad adempiere adeguatamente agli obblighi dì servizio”, la istruttoria non ha dimostrato, come coerentemente osservato dalla Corte territoriale, la contestuale sussistenza anche del requisito della persistenza “dell'insufficiente rendimento"."
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/07/2013 - L.S.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF