Sei in: Home » Articoli

Sinistri stradali: è legittima la contestazione differita della violazione purchè adeguatamente motivata

airbag aperto

di Marco MassavelliCorte di Cassazione Civile, sezione II, sentenza n. 16555 del 2 Luglio 2013. L'articolo 200, codice della strada impone la contestazione immediata delle violazioni amministrative previste dal normativa codicistica “quando possibile”. In alternativa, sussistendone l'impossibilità “oggettiva”, il successivo articolo 201 impone la notifica del verbale di accertamento della violazione al trasgressore e/o al soggetto obbligato in solido per il pagamento della sanzione, cosi come individuato a norma dell'articolo 196. In caso di accertamento di violazione amministrativa concernente il codice della strada a seguito di intervento per i rilievi di un sinistro stradale, non basta indicare «incidente stradale con feriti» all'organo di polizia stradale intervenuto, per legittimare la contestazione differita del verbale, ma è sempre necessario motivare il rinvio dell'incombente: è sufficiente la spiegazione per cui gli agenti erano impegnati nei rilievi sul luogo del sinistro. E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza 2 luglio 2013, n. 16555.

D'altronde, per poter affermare di aver accertato una violazione amministrativa concernente le norme sulla circolazione stradale, dalla quale sia derivato un sinistro stradale, soprattutto se con conseguenti lesioni personali o morte di uno dei protagonisti, è necessario che l'organo di polizia stradale intervenuto per i rilievi abbia conoscenza di tutte le informazioni relative alle modalità con le quali il fatto si è realizzato; e non sempre le informazioni assunte sul luogo del sinistro e nell'immediatezza dell'intervento sono complete, essendo necessario, ad esempio, acquisire successivamente sommarie informazioni di soggetti, in quel momento assenti, perché ricoverati presso il Pronto Soccorso, oppure presentatesi nei giorni successivi presso l'Ufficio di polizia. In tale situazione la contestazione differita è necessaria, non essendo possibile accertare e contestare nell'immediatezza l'eventuale violazione.

Vai al testo della sentenza 16555/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/07/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF