Sei in: Home » Articoli

Cassazione: legittimo il licenziamento disciplinare pur in mancanza dell'indicazione del giorno e dell'ora dei fatti contestati

lavoro fabbrica industria licenziamento lavoratore

"Deve negarsi il vizio di genericità di un atto di incolpazione disciplinare che faccia riferimento a singoli episodi già oggetto di procedimenti giudiziari per sanzioni conservative ed altri episodi di gravi intemperanze verbali o di provocazione, integranti inosservanza dei doveri di diligente e leale collaborazione (artt. 1176 e 2104 cod. civ.), quand'anche di questi episodi non sia indicato il giorno e l'ora ma tuttavia non sia impedito all'incolpato di difendersi. I detti comportamenti indisciplinati, singolarmente non tanto gravi da dar luogo alla sanzione espulsiva, ben possono, se considerati insieme ed aggiunti ad ulteriori ed analoghi atti chiaramente ed univocamente contestati all'incolpato, dar luogo a licenziamento per giusta causa."


E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione che, con sentenza n. 16831 del 5 luglio 2013, ha cassato la decisione con cui il giudice d'Appello aveva dichiarato l'illegittimità del licenziamento a causa della genericità della contestazione disciplinare.

I Giudici di legittimità hanno inoltre precisato che "nell'ipotesi di licenziamento intimato per mancanza disciplinare, la regola della specificità della contestazione dell'addebito non richiede necessariamente - ove questo sia riferito a molteplici fatti - l'indicazione anche del giorno e dell'ora in cui gli stessi fatti sono stati commessi, allorché oggettivamente (per il numero di essi, i diversi luoghi dell'esecuzione, l'arco di tempo cui si riferiscono) neppure al datore di lavoro è possibile una loro collocazione precisa sotto il profilo temporale; né la regola può ritenersi violata quando risulti che il dipendente, avendo avuto piena cognizione dell'accusa rivoltagli, ha potuto esercitare utilmente il diritto di difendersi."

(11/07/2013 - L.S.)
Le pił lette:
» Il contratto di locazione - contenuto e forma. Con fac-simile
» Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
» Iva sulle bollette: arriva la class action per il rimborso
» Come si impugna una contravvenzione. Guida con articoli, sentenze e formule per la redazione dei ricorsi
» Addio ai vitalizi dei parlamentari
In evidenza oggi
Telefonino alla guida: ritiro patente e niente sconti sulle multe, facciamo chiarezzaTelefonino alla guida: ritiro patente e niente sconti sulle multe, facciamo chiarezza
Avvocati per Equitalia: 100mila euro di reddito penalizzano i pił giovaniAvvocati per Equitalia: 100mila euro di reddito penalizzano i pił giovani
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF