Sei in: Home » Articoli

Cassazione a SSUU: limiti di sindacabilità della Suprema Corte ex art. 360 c.p.c.

sentenza avvocato giustizia martello bilancia

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile a Sezioni Unite, sentenza n. 14507 del 10 Giugno 2013. La Corte di Cassazione è chiamata a pronunciarsi sui ricorsi proposti nei limiti stabiliti dall'art. 360 c.p.c. In particolare, al n. 3, la legge prevede la competenza della Suprema Corte a pronunciarsi nei casi di violazione o falsa applicazione di norme di diritto e dei contratti e accordi collettivi nazionali di lavoro”.  

Nel caso di specie un avvocato ricorre avverso la sentenza del Consiglio Nazionale Forense, il quale lo ha condannato al per aver offeso una collega in una memoria difensiva nell'ambito di un procedimento per risarcimento danni. Il ricorrente avrebbe infatti insinuato che il difensore della controparte, per mezzo della sua “difesa approssimativa”, avrebbe leso il prestigio dell'avvocatura stessa. La parte lesa ha dunque richiesto che si procedesse nei confronti del ricorrente per violazione del Codice deontologico forense. Il procedimento disciplinare instauratosi si è concluso con l'irrogazione della censura a carico dell'avvocato.

 

L'interessato ricorre in Cassazione avverso il provvedimento del CNF denunciandone, tra gli altri, contraddittorietà e difetto di motivazione. La Suprema Corte si esprime sul punto affermando che “nei procedimenti disciplinari a carico di avvocati la concreta individuazione delle condotte costituenti illecito disciplinare definite dalla legge mediante una clausola generale – abusi o mancanze nell'esercizio della professione o comunque fatti non conformi alla dignità ed al decoro professionale – è rimessa all'Ordine professionale, ed il controllo sull'applicazione di tali norme non consente alla Corte di cassazione di sostituirsi al Consiglio nazionale forense nell'enunciazione di ipotesi di illecito, se non nei limiti di una valutazione di ragionevolezza, che attiene non alla congruità della motivazione, ma all'individuazione del precetto e rileva, quindi, ex art. 360 n. 3, cod. proc. civ.”. Non riscontrando alcun difetto in merito e risultando congrua la motivazione, la Cassazione rigetta il ricorso.

Vai al testo della sentenza 14507/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/06/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF