Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non è valido il consenso informato se espresso per intervento chirurgico differente

medici operazione medico

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione terza, sentenza n. 14024 del 4 giugno 2013.Il consenso informato è istituto giuridico che affonda le proprie radici nell'art. 32 della Costituzione: il paziente deve essere messo al corrente della situazione patologica e delle terapie che è necessario mettere in atto, di modo che possa autonomamente decidere come comportarsi. Nel caso di specie gli eredi legittimi di un paziente, il quale ha riportato danni irreversibili a seguito di intervento chirurgico, promuovono ricorso avverso la statuizione del giudice di merito, il quale ha rigettato la domanda di risarcimento del danno subito poiché la diagnosi precisa era stata formulata - per necessità attestata da ctu - soltanto in corso di operazione chirurgica. La prova della mancata tempestiva informazione sarebbe poi stata a carico del paziente stesso.

 

Il consenso del danneggiato era infatti stato prestato per un intervento differente rispetto a quello poi effettivamente eseguito. La Suprema Corte accoglie il ricorso riscontrando un difetto di motivazione del giudice di merito laddove non ha sufficientemente giustificato la circostanza che il consenso originario si sarebbe automaticamente esteso all'intervento effettivo, bastando la comunicazione della diagnosi corretta soltanto in momento successivo. Il giudice di primo grado ha infatti errato nel ritenere che “la diversa operazione e i ben diversi rischi ad essa sottesi potessero essere ricompresi nell'iniziale informazione”.

 

Vai al testo della sentenza 14024/2013
(10/06/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF