Sei in: Home » Articoli

Cassazione: giusta causa di licenziamento e dipendente non all'altezza del proprio ruolo

licenziato licenziamento

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione, sezione lavoro, sentenza n. 12561 del 22 Maggio 2013. L'art. 2119 cod. civ. riporta come motivo di licenziamento individuale il verificarsi di una circostanza che “non consenta la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto”. La giusta causa di licenziamento è oggetto di rigorosa interpretazione e pone il giudice nelle condizioni di valutare la correttezza d'applicazione in ogni singolo caso concreto. Nel caso di specie il datore di lavoro ha disposto la sanzione del licenziamento per il dipendente poiché non idoneo a ricoprire il ruolo assegnatogli: la dirigente psicologo, oltre a non essere in grado di eseguire correttamente le proprie mansioni, non è stata capace di relazionarsi con gli altri colleghi con cui era entrata in contatto, ostacolando il lavoro altrui.

 

Il datore di lavoro, in ogni grado di merito, è stato in grado di produrre adeguata prova a sostegno della propria decisione di recesso unilaterale.

Di conseguenza la Suprema Corte non ha ravvisato alcun tipo di fondamento nel ricorso promosso dal lavoratore licenziato. La Cassazione, una volta rilevata la correttezza del procedimento e la legittima assunzione del materiale probatorio, verificata la ragionevolezza e la logicità della motivazione della sentenza impugnata, non può entrare nel merito della decisione del giudice d'appello; e nemmeno la ricorrente ha mai contestato alcun vizio di legittimità del formale procedimento di intimazione al licenziamento. Il ricorso viene così rigettato, confermando il principio per cui la decisione del datore di lavoro di recedere dal rapporto di lavoro subordinato, ove ragionevole e sorretta da prove adeguate, assume la caratteristica di giusta causa richiesta dall'ordinamento.

Vai al testo della sentenza 12561/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/05/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF