Sei in: Home » Articoli

Cassazione: mantenimento anche al coniuge non convivente

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 17537/2003) ha stabilito che la mancata instaurazione di una effettiva convivenza tra i coniugi non preclude il diritto all'assegno di separazione. I Giudici di Piazza Cavour hanno infatti precisato che la norma in materia "non richiede, quale presupposto per il sorgere del diritto all'assegno, l'instaurazione di una effettiva convivenza tra i coniugi e che nell'ipotesi in cui detto elemento fattuale non sussista occorre far riferimento al tenore di vita che ciascun coniuge aveva diritto di aspettarsi in conseguenza del matrimonio". La Corte ha inoltre sottolineato che "la mancata convivenza può trovare ragione nelle più diverse situazioni o esigenze e va comunque intesa, in difetto di elementi che dimostrino il contrario, come espressione di una scelta della coppia, di per sé non escludente la comunione spirituale e materiale, dalla quale non possono farsi derivare effetti penalizzanti per uno dei coniugi, ed alla quale comunque non può attribuirsi, in difetto di pronuncia di addebito, efficacia estintiva dei diritti e doveri di natura patrimoniale che nascono dal matrimonio".
(03/12/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF