Sei in: Home » Articoli

Cassazione: mantenimento anche al coniuge non convivente

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 17537/2003) ha stabilito che la mancata instaurazione di una effettiva convivenza tra i coniugi non preclude il diritto all'assegno di separazione. I Giudici di Piazza Cavour hanno infatti precisato che la norma in materia "non richiede, quale presupposto per il sorgere del diritto all'assegno, l'instaurazione di una effettiva convivenza tra i coniugi e che nell'ipotesi in cui detto elemento fattuale non sussista occorre far riferimento al tenore di vita che ciascun coniuge aveva diritto di aspettarsi in conseguenza del matrimonio". La Corte ha inoltre sottolineato che "la mancata convivenza può trovare ragione nelle più diverse situazioni o esigenze e va comunque intesa, in difetto di elementi che dimostrino il contrario, come espressione di una scelta della coppia, di per sé non escludente la comunione spirituale e materiale, dalla quale non possono farsi derivare effetti penalizzanti per uno dei coniugi, ed alla quale comunque non può attribuirsi, in difetto di pronuncia di addebito, efficacia estintiva dei diritti e doveri di natura patrimoniale che nascono dal matrimonio".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/12/2003 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Milleproroghe: approvate le norme sugli avvocati
» Avvocati: via libera alla rottamazione dei debiti con la Cassa
In evidenza oggi.
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF