Sei in: Home » Articoli

Cassazione: caratteri del rapporto di associazione in partecipazione e indicatori di contratto effettivo

antoci ratifica rappresentanza tacito facta concludentia basilio

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 12564 del 22 Maggio 2013. Il rapporto di associazione in partecipazione è quella fattispecie contrattuale tipica prevista agli artt. 2549 e ss. cod. civ., la quale contempla la partecipazione del prestatore di lavoro agli utili e, salvo patto contrario, alle perdite aziendali.

Normalmente al lavoratore viene corrisposto una quota mensile a titolo di acconto sull'utile presunto, somma che a fine anno verrà poi ragguagliata agli utili (con versamento della differenza) o alle perdite (con relativa richiesta di rimborso) d'esercizio.

 

Nel caso in oggetto, nel quale una società ha proposto ricorso avverso casella esattoriale per il pagamento di oneri previdenziali (poiché il rapporto di lavoro del prestatore avrebbe in effetti rivestito i caratteri del subordinato e non dell'autonomo) la Suprema Corte spiega quali siano le caratteristiche distintive alla base, da una parte, del rapporto di lavoro subordinato e, dall'altra, del lavoro autonomo. Nel primo carattere distintivo è “l'assoggettamento del lavoratore al potere direttivo e disciplinare del datore di lavoro, con conseguente limitazione della sua autonomia ed inserimento nell'organizzazione aziendale”; “l'assenza del rischio, la continuità della prestazione, l'osservanza di un orario e la forma della retribuzione” sono invece elementi meramente sussidiari.

Per questa particolare tipologia contrattuale inoltre è necessario che i consociati possano esercitare un controllo sugli utili e che non rimangano estranei dalla gestione dell'azienda. L'insieme di tutti questi caratteri ha spinto il giudice di merito a concludere che un rapporto con tali caratteristiche non può di certo essere ricondotto allo schema contrattuale dell'associazione in partecipazione, ravvisandosi in questo caso un sostanziale rapporto di lavoro subordinato.

Vai al testo della sentenza 12564/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/05/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF