Sei in: Home » Articoli

Cassazione: responsabilitÓ dell'insegnante verso alunno maggiorenne

Scuola docente professore
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 11751 (del 15 maggio 2013), si Ŕ pronunciata in tema di responsabilitÓ degli insegnanti (nel caso di specie la decisione riguarda un istituto superiore statale).
La particolaritÓ della sentenza sta nel riconoscere la responsabilitÓ dell'insegnante anche quando l'alunno Ŕ divenuto (durante il percorso) maggiorenne; di fatti, la maggiore etÓ non preclude o attenua gli obblighi che scaturiscono dal vincolo giuridico che sorge tra l'alunno e l'istituto che lo ospita.

Il Tribunale in primo grado aveva respinto la domanda proposta nei confronti del Ministero ritenendo che non potesse trovare applicazione l'art. 2048, secondo comma, del codice civile essendo l'autore dell'illecito maggiore di etÓ e pertanto si sarebbe dovuto incentivare un comportamento responsabile dell'alunno. Al contempo nella specie "non erano stati tempestivamente indicati dall'attrice specifici profili di responsabilitÓ ai sensi dell'art. 2043 c.c. per carenze organizzative, prospettate soltanto in sede di memoria istruttoria e poi in comparsa conclusionale, nÚ per responsabilitÓ contrattuale".

La Corte d'Appello con una decisione articolata (si veda il testo integrale della sentenza allegato qui sotto) aveva stabilito, in relazione a una delle domande, che "i fatti potevano costituire fondamento sia della responsabilitÓ contrattuale che extracontrattuale essendo in entrambi i casi chiara l'imputazione all'Istituto dell'inadempimento agli obblighi di vigilanza sulla sicurezza ed incolumitÓ degli allievi per il tempo in cui fruiscono della prestazione scolastica derivanti dal vincolo negoziale che si costituisce all'atto dell'iscrizione, con conseguente onere dell'Istituto di provarne l'adempimento".

La Cassazione nella parte motiva della sentenza spiega che "La domanda e l'accoglimento di iscrizione alla frequentazione di una scuola ľ nella specie statale ľ fondano un vincolo giuridico tra l'allievo e l'istituto, da cui scaturisce, a carico dei dipendenti di questo, appartenenti all'apparato organizzativo dello Stato, accanto all'obbligo principale di istruire ed educare, quello accessorio di proteggere e vigilare sull'incolumitÓ fisica e sulla sicurezza degli allievi, sia per fatto proprio, adottando tutte le precauzioni del caso, che di terzi, fornendo le relative indicazioni ed impartendo le conseguenti prescrizioni, e da adempiere, per il tempo in cui gli allievi fruiscono della prestazione scolastica, con la diligenza esigibile dallo status professionale rivestito, sulla cui competenza e conseguente prudenza costoro hanno fatto affidamento, anche quali educatori e precettori del comportamento civile e della solidarietÓ sociale, valori costituzionalmente protetti, e da inculcare senza il limite del raggiungimento della maggiore etÓ dell'allievo".
Kriseide Lauretta
Vai al testo della sentenza n. 11751/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/05/2013 - A.V.)
Le pi¨ lette:
» EreditÓ: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF