Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non risarcibile la “sofferenza d'animo” nel danno da sinistro stradale

autovelox

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione sesta, sentenza n. 11514 del 14 Maggio 2013. In tema di risarcimento del danno non patrimoniale da circolazione stradale non è più ammissibile il ristoro del c.d. “danno morale puro” o “sofferenza d'animo”. Lo ha stabilito la Cassazione nella sentenza in oggetto, pronunciandosi decisamente a favore dell'interpretazione unitaria dell'art. 2059 cod. civ. La Corte segnala che ciò che in passato era ammesso, per effetto del combinato disposto degli articoli 2059 cod. civ. e 185 cod. pen. (rilevanza del risarcimento del danno sul piano civile), non è riscontrabile sul piano del risarcimento stradale.

“Il danno non patrimoniale è categoria unica connotato in senso descrittivo da singole voci risarcitorie che ne garantiscono l'integrale soddisfazione ma non devono condurre ad un'inammissibile duplicazione di poste in cui il danno medesimo si sostanzia”, così discostandosi dalla teoria pluralistica che in dottrina evidenzierebbe l'esistenza di tre distinte categorie di danno, al contrario di ciò che è possibile dedurre interpretando l'art. cod. delle ass.ni private, molto chiaro.

“Pertanto (…) è risarcibile la sofferenza causata dal peggioramento della qualità della vita, dal non poter più svolgere quelle attività realizzatrici della persona umana che precedentemente erano consentite al soggetto.
(…) Per effetto di tale ricostruzione, non trova più spazio la risarcibilità del c.d. danno morale puro o sofferenza d'animo”.

 

Inoltre, per quanto riguarda le spese vive chieste dal danneggiato, sono risarcibili soltanto gli esborsi medici documentati e direttamente riconducibili all'incidente e non le eventuali consulenze sanitarie specialistiche richieste in corso di causa; esse non sono considerate necessarie ma frutto di una libera scelta della parte.

Vai al testo della sentenza 11514/2013
(16/05/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» I procedimenti in camera di consiglio
» Responsabilità medica: reato di omicidio per il sanitario che sbaglia il triage
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Studi legali: addio al chiuso per ferie
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificatiAvvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificati
Divorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglieDivorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglie
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
" target="_top"> 'Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario '
'La notifica a mezzo servizio postale di un atto giudiziario, non consegnato personalmente al destinatario, si perfeziona soltanto alla data della notizia che l’ufficio postale dà a mezzo della raccomandata informativa '
' ' '
' '
' ' %>
Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF