Sei in: Home » Articoli

Vediamo le Condizioni per l'ottenimento di una licenza come istituto di moneta elettronica in Spagna.

4 id13504

In Spagna, se si desidera effettuare la richiesta di autorizzazione per la creazione di un istituto di moneta elettronica, è necessario entrate in contatto con la Segreteria Generale del Tesoro e Politica Finanziaria, presentando i giusti documenti presentati in triplice copia. I documenti in questione sono i seguenti che vi andiamo ad elencare qui di seguito:
1- Progetto dello statuto della società, ovvero un atto di fondazione in cui vi sono vari dettagli dove si spiega quali saranno i compiti dell'azienda, le figure che lavoreranno per essa ecc. Inoltre, vi dovrà anche essere un certificato di non esistenza della ragione sociale. Nel caso in cui l'autorizzazione richiestata per la società sia già esistente basterà il certificato di iscrizione attuale.

2- Un programma di attività che nello specifico all'emissione di moneta elettronica ed il tipo di servizio di pagamento che si intende fornire, inclusi i servizi ausiliari o connessi che si desidera intraprendere come altre attività.
3- Un piano aziendale dove vengono riferite le attività citate nei documenti precedenti e che include anche ila previsione del calcolo di bilancio per i primi tre anni di attività della società di moneta elettronica.
4- Attestazione di aver effettuato un deposito in contanti o in titoli pubblici pari al 20 percento del capitale iniziale minimo giusta l'articolo 2 , disponibile per il segretariato generale del Tesoro e della Politica Finanziaria, presso la Cassa Generale dei Depositi o una delle sue succursali. Questo deposito di garanzia è svincolato, dopo richiesta dell'interessato, quando la società sarà ufficialmente iscritta nel Registro Speciale della Banca di Spagna così come nel caso di revoca dell'attestazione di cui l'articolo 5 della legge 21/2011, del 26 luglio. Il deposito, inoltre, dovrà esser restituito nel caso in cui vi fosse la rinuncia per la richiesta o la negazione della stessa.
5- Una descrizione delle misure adottate per tutelare i fondi ricevuti, in cambio della moneta elettronica emessa o nel caso in cui fossero forniti dei servizi di pagamento in conformità alle disposizioni.
6- Una descrizione nella quale si spiegano i medoti di gestione aziendale del richiedente ed i meccaniscmi di controllo interno, anche per quanto riguarda l'aspetto amministrativo, la gestione del rischio e la contabilità.

7- Gli organismi di controllo e di comunicazione e le procedure utili per prevenire ed impedire il riciclaggio del denaro e il finanziamento del terrorismo. 8- Rimborso del denaro elettronico o degli agenti, per la prestazione di pagamento, della disposizione in materiale della delega di funzione, e la partecipazione ad un pagamento nazionale o internazionale se questo sarà in conformità alla disposizione di legge 41/1999 del 12 novembre. 9- L'identità degli amministratori della società di moneta elettronica ed i suoi direttori generali o simili, così come tutti gli elementi di prva utili a dimostrare che soddisfano le condizioni di onorabilità e che detengono l'esperienza e le conoscenze utili proprio per l'emissione di moneta elettronica. 10- Una descrizione dei servizi, strumenti o altri mezzi, incluso il regolamente per la difesa del cliente, di quello di cui si dispone per gestire e risolvere le richiede dei reclami dei clienti. Per gli imprenditori interessati a fare business in Spagna è disponibile una comparativa fiscale con pratico esempio al seguente link:COMPARATIVA FISCALE ITALIA - SPAGNA
Studio Legale e di consulenza aziendale in Spagna
Ana Fernandez & Geval

Indirizzo: Calle General Urrutia, 75 – 7A - 46013 Valencia (Spagna)
Tel: +39 0861 18 86 156
Email: abogadafernandez@nonbisinidem.com
Contatti con lo Studio Legale Ana Fernandez & Geval

Brochure dello studio legale
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/05/2013 - L.V.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF