Sei in: Home » Articoli

Cassazione: interpretazione conforme a costituzione e responsabilità della struttura sanitaria per scarsa manutenzione delle apparecchiature mediche

ospedale corsia ricovero

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione terza, sentenza n. 9148 del 16 Aprile 2013. Un soggetto emodializzato ha promosso causa volta ad ottenere il risarcimento del danno avverso la struttura sanitaria presso cui era in cura. Lo stesso infatti, durante una seduta di dialisi, a causa della scarsa pulizia del macchinario (nel quale residuavano tracce ematiche di un altro paziente) ha contratto l'epatite rimanendo contagiato attraverso proprio il suo stesso sangue. Il giudice di primo e secondo grado hanno confermato la , il quale ha proposto ricorso in Cassazione sostenendo falsa applicazione e violazione di legge dell'art. 1, terzo comma, legge 210/1992 (Indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati) poiché tale legge non contemplerebbe l'ipotesi di contagio avvenuto con il proprio sangue ma soltanto la contrazione di epatite da trasfusione eterologa.

 

La Suprema Corte segnala come la normativa in oggetto sia stata interessata nel tempo a due importanti revisioni della Corte Costituzionale.

In particolare, con le sentenze 467/2002 e 28/2009 la Corte Costituzionale ha confermato che, in ossequio al principio interpretativo generale che impone l'interpretazione delle norme del nostro ordinamento in modo conforme alla Costituzione, la legge in oggetto debba essere interpretata in modo estensivo. Rientra così nella medesima fattispecie anche la contrazione di epatite causata da scarsa manutenzione del macchinario sanitario poiché a nulla rileva la questione che il paziente fosse stato sottoposto a terapia medica specifica e non a semplice trasfusione da donatore esterno. Il motivo di ricorso è dunque infondato e la Cassazione conferma l'obbligo per la struttura a risarcire il danno ingiustamente provocato al soggetto in cura.

Vai al testo della sentenza 9148/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/04/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF