Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Il patteggiamento come elemento di prova nel giudizio civile

sentenza cassazione martello giudice legge antoci etna
La Corte di Cassazione, con la sentenza del 18 aprile n. 9456, accogliendo il ricorso di uno sciatore in merito alla sua richiesta di danni ad uno snowbordista, condannato in sede penale con rito speciale per lesioni colpose, ha stabilito che la sentenza penale emessa, appunto, in applicazione del rito speciale (art. 444 del cpp) costituisce un importante elemento probatorio.
In virtù di ciò, il giudice del risarcimento che voglia discostarsi da essa, è obbligato a darne un'appropriata motivazione, chiarendo le ragioni per cui l'imputato avrebbe confessato un'assunzione di responsabilità inesistente, peraltro accettata dal giudice penale. Di conseguenza, la sentenza di applicazione della pena patteggiata, anche se non può essere configurata come una sentenza di condanna, partendo dall'assunzione di un'ammissione di colpevolezza, esime la controparte dall'onere della prova.

Quindi, qualora la Corte d'Appello, ritenendo che l'attore sia tenuto a fornire la prova della responsabilità del convenuto, non dovesse spiegare i motivi per i quali egli aveva ammesso in sede penale una responsabilità insussistente, emetterebbe una sentenza palesemente carente di motivazione. La sentenza in oggetto della Suprema Corte segue l'indirizzo fissato dalla sentenza n.17289 del 2006 delle Sezioni Unite (cui viene fatto esplicito richiamo) e dalla successiva giurisprudenza: in appello, invece, il giudice aveva reputato che la responsabilità dell'investitore fosse non provata.
Lemma
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/04/2013 - A.V.)
Le più lette:
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
» Reato per il praticante che si spaccia per avvocato
» Basta la diffida per interrompere l'usucapione?
In evidenza oggi.
Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
Carcere fino a 6 mesi e obbligo di ripulire per chi sporca edifici e mezzi
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF