Sei in: Home » Articoli

Cassazione: limite d'ammissibilità di prove nuove in ambito di procedimento disciplinare a carico di un magistrato

giudice sentenza martello

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile a Sezioni Unite, sentenza n. 7371 del 25 Marzo 2013.

Nella sentenza in oggetto la Suprema Corte interviene in tema di procedimento disciplinare attivato a carico dei magistrati: come da espresso riferimento normativo (d. lgs. 109/2006) si applicano le norme del procedimento penale sia nella fase delle indagini preliminari (così come richiamato dall'art. 16) sia nella fase di discussione del giudizio (art. 18). Una volta completata la fase istruttoria, il codice di procedura penale detta regole specifiche circa l'ammissione di prove nuove: al di fuori dei limiti temporali e procedurali, l'art. 507 c.p.p. fa espresso riferimento al fatto che il giudice lo ritenga “assolutamente necessario”, escludendo quindi che questa previsione venga applicata a prescindere dal contesto specifico. Tale limite è applicabile anche al procedimento disciplinare?

Nessuna previsione simile è contenuta nel decreto sopra citato. L'art. 3 lett a) riporta testualmente che “la sezione disciplinare può assumere, anche d'ufficio, tutte le prove che ritiene utili”, configurando al contrario poteri molto più ampi a disposizione del giudice disciplinare rispetto alla normativa prevista in campo penale.

Manca qui un espresso riferimento allo stringente requisito dell'”assoluta necessità”. Tuttavia, secondo l'interpretazione delle SSUU, in ossequio di estensione applicativa delle norme del procedimento penale, ove compatibile, al procedimento disciplinare, l'art. 507 c.p.p. sarebbe dunque pienamente applicabile anche nei procedimenti instaurati innanzi al Consiglio Superiore della Magistratura.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/04/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF