Sei in: Home » Articoli

Omicidi di Stato: quando l'austerity uccide

solitudine disoccupato tristezza suicidio depressione lavoro licenziamento
di Barbara LG Sordi -
Io ci spero veramente. Spero fortemente che le elezioni non siano state una semplice "occasione mancata". Spero che non siano la scusa per riconfermare le ennesime cariche ai soliti noti. Soprattutto spero che siano l'occasione per riportare i nostri politicanti sul pianeta terra, nello specifico in Italia.

Troppo distanti dalla realtà e dalla quotidianità; personalmente imporrei una fase obbligatoria di "ceto basso" per chiunque voglia entrare in politica: un periodo di prova da operaio o magazziniere, ma anche impiegato di basso livello, con uno stipendio di quindicimila euro annui. Da utilizzare per mantenere tre figli (età scolare, da primaria a università, per testare da vicino l'educazione pubblica), una moglie disoccupata, o magari esodata, una nonna disabile e per pagare un mutuo mensile di 600 euro.

Sfido qualsiasi politico a sopravvivere una sola settimana. Mentre imporrei di dover superare almeno 24 mesi in queste condizioni, quale lasciapassare alla carriera politica. La cui retribuzione non dovrebbe comunque superare l'imbarazzante soglia dei trentamila euro all'anno.

Ecco, questa sarebbe la soluzione ideale anche per tagliare veramente sui costi della politica, perché non solo si risparmierebbe sulle retribuzioni, ma anche perché sparirebbero (con gran giubilo di molti) il 90% degli esponenti della classe politica. Saremmo così finalmente degni del nome Belpaese, e ci aggiungerei anche "delle Meraviglie" in coda.

Tanta acredine nasce da episodi come quello del triplo suicidio, che ha disintegrato il morale della Regione Marche e dell'Italia intera. Un dramma che ha per protagonista la disperazione di gente semplice, con mille scrupoli e timori di non poter pagare l'ennesima rata del mutuo (fatto per un prestito per pagare i contributi Inps, ndr) e di vedersi confiscare i propri beni. Il dramma di chi deve vivere (in tre) di una pensione tra i 400 e 500 euro. Di chi è troppo giovane per una pensione decente (68 anni) e troppo vecchio per trovare un lavoro nuovo (62).

Di fronte alla tragedia toccata ai due coniugi marchigiani (Romeo Dionisi, 62 anni e Anna Maria Sopranzi, 68 ) e il fratello di lei (Giuseppe, 72), a me personalmente non viene solo tanta amarezza, ma tanta sana incazzatura (mi passi il termine poco elegante, Avv. Cataldi). Nei confronti di uno Stato sordo e cieco, e purtroppo poco muto. Uno Stato che si macchia di una terribile colpa, l'omicidio. Uno Stato che dovrebbe vergognarsi a tal punto da auto-eliminarsi e lasciare posto a qualcosa di nuovo, che sia la voce vera dei veri italiani. Non di quei quattro o cinque stra-potenti manager e banchieri.

Ora che sia lutto per tutti. Perché la crisi (e l'austerity) non l'abbiamo voluta noi cittadini, ce la siamo vista ricadere pesantemente addosso; e qualcuno ci ha detto che dobbiamo anche pagare per questo.
Però con la vita stessa no.
Email barbaralgsordi@gmail.it
(07/04/2013 - Barbara LG Sordi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF