Sei in: Home » Articoli

Corte Europea: riconoscimento europeo della laurea in legge

La Corte di Giustizia Europea, ha stabilito che l'aver conseguito una laurea in legge in uno dei paesi dell'Ue, anche se diverso dall'Italia, da diritto all'iscrizione nel registro dei praticanti avvocati anche nel nostro Paese. La Corte ha evidenziato come le Autorità Italiane non possono rifiutare la richiesta di iscrizione se non prima di aver comparato i diplomi, tenendo conto delle differenze esistenti tra gli ordinamenti giuridici nazionali e senza, eventualmente, aver richiesto, all'interessato, di dimostrare di aver maturato le conoscenze mancanti.
In caso contrario verrebbe ostacolata la libertà di stabilimento e di circolazione. Con questa motivazione la Corte ha accolto il ricorso presentato da una cittadina francese che si era vista rifiutare l'iscrizione al registro dei praticanti nonostante la laurea in legge conseguita in Francia e un periodo di tirocinio presso lo studio di un avvocato italiano.
(24/11/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Violenza donne: rispunta la castrazione chimicaViolenza donne: rispunta la castrazione chimica
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF