Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la portata probatoria delle scritture e dei libri contabili

tasse commercialista
di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione terza, sentenza n. 6547 del 14 Marzo 2013
La legge prevede una particolare portata probatoria dei libri e delle scritture contabili prodotte nell'ambito del giudizio civile promosso avverso l'imprenditore: ex art. 2709 c.c. esse assumono valore di presunzioni semplici, come tali contestabili a mezzo di prova contraria. Questo tipo di prove, se non confutate, sono poi liberamente valutabili dall'organo giudicante, così come ogni altro elemento probatorio emergente in corso di causa. Il giudice può ben utilizzare per dedurre le proprie conclusioni e motivare il proprio provvedimento finale. In questa particolare situazione poi l'apprezzamento giudiziale non può essere sottoposto a sindacato di legittimità.

Nella sentenza in oggetto la Suprema Corte si pronuncia chiaramente escludendo che il caso di cui sopra possa ricondursi agli effetti probatori propri dalla confessione: essa genera infatti una presunzione assoluta e non relativa e certamente la produzione in corso di causa di libri e scritture contabili non può avere tale portata. La prova delle scritture contabili non può dunque assumere forza probatoria ex art. 2730 codice civile, non consistendo necessariamente questa produzione nella dichiarazione di fatti sfavorevoli al dichiarante; né si può ad essa, di conseguenza, fare riferimento.

In mancanza di specifiche disposizioni di legge, per principio generale (ricavabile dal combinato disposto degli artt. 3 e 24 della Costituzione) le presunzioni si devono sempre considerare come relative.
Vai al testo della sentenza 6547/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/03/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF