Sei in: Home » Articoli

La direttiva 2006/103/CE sulla politica dei trasporti con l'adesione della Bulgaria e Romania

080 politica trasporti bilgaria spagna romania id13309
Il 20 novembre 2006 è stata promulgata la direttiva 2006/103/CEE del consiglio dell'Unione Europea, attraverso la quale le istituzioni comunitarie si sono concentrate su una materia particolarmente importante e controversa quale quella dei trasporti, soprattutto in virtù dell'adesione di due nuovi paesi membri, vale a dire, la Bulgaria e la Romania. Attraverso questo intervento normativo, l'Unione Europea si è concentrata su un aspetto molto importante come quello dell'uniformità nelle disposizioni legislative, amministrative e regolamentari con lo scopo di permettere ai due nuovi paesi membri di adottare delle normative compatibili con il diritto comunitario.

Ecco che quindi la direttiva ha posto agli stati membri il problema di adeguare la propria organizzazione in materia di politica di trasporti esponendo attraverso un quadro che evidenzi in modo chiaro tutti i punti di concordanza del diritto interno alle prescrizioni comunitarie, lasciando comunque agli stati membri la propria autonomia decisionale nella scelta di come sancire il proprio riferimento alla direttiva comunitaria.

La direttiva 2006/103/CE ha comunque avuto un impatto anche all'interno dell'ordinamento comunitario, considerando come la stessa è andata a modificare ad esempio la direttiva 82/714/CEE o, ancora, la 91/439/CEE, la 91/440/CEE, la 91/672/CEE, la 92/106/CEE, la 96/26/CE, la 1999/37/CE, la 1999/62/CE e, infine, la 2003/59/CE, uniformandole agli ultimi cambiamenti introdotti.

I trasporti su strada, infatti, hanno conosciuto una nuova regolamentazione per quanto riguarda la patente di guida, introducendo le nuove indicazioni relative ai nuovi paesi aderenti, come del resto, inserendo l'obbligo di redigere i documenti seguendo le lingue nazionali (comprese le due nuove), unendovi inoltre la disposizione relativa alla redazione bilingue del documento.

Oltre a ciò, sono state modificate le disposizioni relative al riconoscimento reciproco di attestati ufficiali come diplomi, certificati ed altri titoli utili per dimostrare la propria professionalità e l'esercizio della professione in qualità di trasportatore su strada di persone e merci. A complemento, sono state introdotte altre specifiche norme per quanto riguarda la qualifica professionale, la formazione e l'aggiornamento sempre in rapporto al trasporto di merci e passeggeri.

Sono state poi introdotte specifiche norme per l'emissione di targhe specifiche per i nuovi paesi aderenti. Anche la tassazione degli autoveicoli per trasporti di merci, per l'uso e il transito su infrastrutture, ha conosciuto una revisione. Nel comparto ferroviario, invece, sono state introdotte novità legislative per quanto riguarda le indicazioni dei porti, aggiungendo tutte le località bulgare e romane toccate da queste disposizioni.

Il settore dei trasporti per via navigabile interna, invece, è stato riformato con l'introduzione di un riconoscimento dei certificati nazionali per la conduzione delle navi tanto per il trasporto delle merci e delle persone, facilitando in questo senso la possibilità di operare da parte di attori presenti sui mercati delle due nuove nazioni all'interno dell'Unione Europea.

Per gli imprenditori interessati a fare business in Spagna è disponibile una comparativa fiscale con pratico esempio al seguente link:COMPARATIVA FISCALE ITALIA - SPAGNA
Studio Legale e di consulenza aziendale in Spagna
Ana Fernandez & Geval

Indirizzo: Calle General Urrutia, 75 – 7A - 46013 Valencia (Spagna)
Tel: +39 0861 18 86 156
Email: abogadafernandez@nonbisinidem.com
Contatti con lo Studio Legale Ana Fernandez & Geval

Brochure dello studio legale
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/04/2013 - L.V.)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF