Sei in: Home » Articoli

Cassazione: obbligo di motivazione del provvedimento di liquidazione del compenso al ctu

sentenza cassazione martello giudice legge antoci etna
di Licia Albertazzi - Sentenza Cassazione Civile, sezione seconda, n. 3964 del 18 Febbraio 2013

La procedura di liquidazione dei compensi al consulente tecnico d'ufficio è contenuta nel D.p.r. 115/2002, il Testo Unico spese di giustizia. Esso pone in capo alle parti, in assenza di diversa previsione, l'obbligazione solidale al pagamento del compenso spettante a questa figura. Proprio per tutelare le parti, la stessa disciplina pone anche a carico del giudice l'onere di motivare il proprio provvedimento di liquidazione delle spese con il quale l'organo giudicante accetta, modifica o rifiuta l'istanza di liquidazione presentata dal ctu.

Nel caso di specie il giudice, chiamato a pronunciarsi nell'ambito di una causa promossa da una parte a cui si sono uniti, attraverso l'istituto dell'adesione, molti altri interessati (c.d. class action) ha richiesto l'espletamento di diverse consulenze tecniche d'ufficio avvalendosi, all'uopo, di un collaboratore appositamente nominato.

Con la sentenza in oggetto la Suprema Corte ha ricordato come gravi sull'organo giudicante l'onere non solo di rispettare i parametri di liquidazione così come sancito dal D.p.r. sopra citato (a seconda che il compenso sia fisso, variabile o a tempo; tenendo conto altresì del grado di complessità della causa e del quesito formulato) ma che è anche necessario adeguatamente motivare il provvedimento di liquidazione del compenso. A maggior ragione se le parti coinvolte nel giudizio sono in numero consistente.
Vai al testo della sentenza 3964/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/03/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF