Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Riforma forense e formazione continua degli avvocati. Esentato chi è iscritto da 25 anni all'albo

avvocati arbitrario spagna contratto vessatorie
Da febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la nuova riforma forense, con il conseguente scaturire di perplessità e confusione tra i professionisti legali. Una frazione di questa riforma riguarda la formazione continua degli avvocati e degli eventuali esoneri
L'articolo 11 chiarisce come ogni avvocato abbia l'obbligo di doversi sempre tenere in costante aggiornamento, mediante la frequentazione di corsi o eventi di formazione (con riconoscimento di crediti formativi), per poter mantenere alta la sua professionalità al servizio della giustizia e della sua clientela. 

Tuttavia, vengono esonerati da questo obbligo: i docenti e i ricercatori universitari, coloro i quali siano stati sospesi e non possono quindi esercitare temporaneamente la professione, quelli che fanno parte di organi con funzioni legislative o sono componenti del Parlamento europeo e gli avvocati “anziani” che abbiano compiuto almeno venticinque anni di iscrizione sull'albo o i sessant'anni anagrafici

Inoltre, il Regolamento del Consiglio Nazionale Forense all'articolo 5, esonera più o meno parzialmente dalla formazione continua: coloro i quali debbano adempiere ai proprio doveri di genitori (in presenza di figli minori), chi è soggetto a gravi condizioni personali o di salute tali da non consentire la frequenza agli eventi di formazione, chi si trasferisce all'estero o chi interrompe per più di sei mesi la propria attività professionale. 

Caso per caso poi, vengono vagliate le richieste degli iscritti all'albo in presenza di condizioni tali da impedire l'assolvimento dell'obbligo formativo. Va, infine, menzionato anche l'articolo 43 della riforma forense, che in conformità al contenuto normativo del precedente qui trattato, prevede lo stesso obbligo formativo secondo modalità temperate e decise dal Consiglio Nazionale Forense applicabili ai praticanti avvocati abilitati al patrocinio legale e, comunque, a tutti coloro che intendono accedere alla carriera forense tramite la pratica professionale.
Autore: Shanna
Vai la regolamento per la formazione continua del CNF del 13 luglio 2007
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/02/2013 - A.V.)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF