Sei in: Home » Articoli

Panoramica della legislazione in materia di mercato del lavoro

Nel mercato del lavoro, negli ultimi anni, si registra un crescente dinamismo. Anche se, dunque, non è del tutto esaustiva un?analisi che si fermi al dato normativo attuale, è pur vero che, per intuire gli orientamenti della legislazione di domani, è basilare un?analisi mirata delle linee politico-normative odierne.
L?esigenza di anticipare e prevedere il quadro legislativo di riferimento è resa pressante dalla peculiare articolazione delle fonti che, in particolare nel diritto del lavoro, si è ormai consolidata. Secondo una gerarchia avvalorata da costante prassi, gli orientamenti più generali provengono dall?Unione Europea; nonostante tali indirizzi abbiano, di solito, il carattere di direttiva e, quindi, lascino agli Stati membri ampia discrezionalità circa le modalità di attuazione, essi tracciano, spesso, dei quadri d?intervento che costituiscono un perimetro di riferimento per la legislazione interna, nonché delle indicazioni assai precise e vincolanti per ottenere finanziamenti a valere sul Fondo Sociale Europeo (FSE), attraverso gli strumenti di cui si darà conto a breve. Il Parlamento italiano ha gradualmente consacrato, in materia, la tecnica della legge-delega e, a volte, del regolamento cd. "delegato": attraverso i principi e gli orientamenti così individuati, il Governo è autorizzato ad emanare norme attuative che rendano operativi gli indirizzi predisposti dalle Camere....

(vai all'articolo completo >>)
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/11/2003 - Valeria Zatti)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF