Sei in: Home » Articoli

Cassazione: inammissibile domanda di condanna per responsabilità processuale aggravata proposta dinanzi al giudice dell'opposizione agli atti esecutivi.

cassazione id0
In tema di responsabilità processuale aggravata, con la sentenza n. 1590/2013, depositata il 23 gennaio 2013, la Corte di Cassazione ha stabilito che è inammissibile una domanda di condanna per responsabilità processuale aggravata ai sensi del secondo comma dell'articolo 96 Cpc proposta dinanzi al giudice dell'opposizione agli atti esecutivi.

Secondo gli Ermellini, “chi intende chiedere il risarcimento del danno per l'inizio o il compimento dell'esecuzione forzata in mancanza di titolo esecutivo, originaria o sopravvenuta a seguito dell'accertamento dell'inesistenza del diritto di procedere in via esecutiva, può avanzare la relativa domanda, ai sensi dell'articolo 96 secondo comma cod. proc. civ., dinanzi al giudice del giudizio di merito, nel quale il titolo esecutivo si è formato, ovvero dinanzi al giudice dell'opposizione all'esecuzione”.

Come ha spiegato la Corte, citando la giurisprudenza conforme (tra le tante Cass. n.5734/04, n. 9297/07, n. 12952/07, n. 18344/10), “la decisione in ordine alla responsabilità aggravata ex art. 96, comma secondo, cod. proc. civ. è devoluta in via esclusiva, sia per l'an che per il quantum, al giudice cui spetta di conoscere il merito della causa. In coerenza con tale principio si deve affermare che la domanda di condanna al risarcimento dei danni ex art. 96, co. 2, c.p.c. del creditore procedente va rivolta al giudice che accerta l'inesistenza del diritto per cui è stata iniziata o compiuta l'esecuzione forzata (…) Nel caso di specie, - ha concluso la Corte - la ricorrente ha espressamente invocato l'applicazione del secondo comma del più volte richiamato art. 96 c.p.c. nell'ambito di un giudizio introdotto ai sensi dell'art. 617 c.p.c. così proponendo una domanda inammissibile”.
Vai al testo della sentenza n. 1590/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/01/2013 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
» Divorzio: le tre vie per dirsi addio
» Whatsapp può spiare le chat private: l'allarme degli esperti
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF