Sei in: Home » Articoli

Cassazione: limiti di competenza funzionale del giudice di pace nel processo di opposizione a decreto ingiuntivo

giudice sentenza
Sentenza Cassazione Civile, sezione sesta, n. 14709 del 29 Agosto 2012. Nel caso di specie la Cassazione si è pronunciata in merito alla competenza funzionale per valore del giudice di pace ed all'eventuale separazione di quella causa il cui petitum ecceda il valore stabilito dalla legge per la competenza appunto di quest'organo giudiziario.
In particolare un giudice di pace, il quale - in qualità di organismo funzionalmente competente - sia chiamato a pronunciarsi in merito alla richiesta di accertamento del controcredito in ambito di procedimento di opposizione a decreto ingiuntivo (da lui stesso emesso; la competenza al giudice di pace del relativo giudizio di impugnazione, forma particolare di procedimento il quale contempla nelle vesti di attore proprio il debitore, è normativamente sancita dall'articolo 645 codice di procedura civile) deve previamente valutare l'ammontare complessivo della richiesta avanzata dalla parte.

Essendo la sua competenza inderogabile, nel caso in cui, come in quello in esame, il valore del controcredito vantato superi il limite fissato dalla legge, unita alla domanda di condanna al residuo a seguito di compensazione, egli è tenuto a separare le due cause per rimettere quella che va oltre la propria competenza al giudice superiore.

In attesa della pronuncia dell'organo competente circa l'accertamento del controcredito il giudice di pace potrà o sospendere il giudizio principale e/o pronunciarsi in merito all'eventuale porzione di credito ritenuta non controversa. Se il giudice di pace dovesse erroneamente rimettere alla giurisdizione superiore l'intera controversia, il giudice adito potrà sollevare conflitto di competenza ex articolo 45 codice di procedura civile.
Vai al testo della sentenza 14709/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/01/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF