Sei in: Home » Articoli

Diffamazione a mezzo stampa. Proposto alla Camera un nuovo testo che allontana l'ipotesi del carcere

Il 6 novembre scorso è stato depositato alla Commissione Giustizia della Camera (dalla relatrice Isabella Bertolini) il nuovo provvedimento sulla diffamazione a mezzo stampa che, tra le novità più importanti, prevede la sostituzione del carcere con il pagamento di una multa che può arrivare fino a 7.500 Euro e un risarcimento del danno che non può superare i 25 mila Euro. Nel provvedimento, che estende i contenuti della norma anche ai siti Internet con natura editoriale, è anche previsto il termine annuale per la prescrizione dell'azione civile, che inizia a decorrere dalla data di pubblicazione della notizia e inoltre il fatto che il direttore o il vice direttore responsabile, risponderanno solo con una pena ridotta di un terzo. Per quanto riguarda poi l'eventuale rettifica, l'autore della pubblicazione offensiva, deve pubblicarla, a proprie spese ed entro tre giorni dalla richiesta, su almeno due quotidiani a tiratura nazionale.
In queste eventualità la multa scenderebbe fino a 375 Euro. Tra le altre novità proposte, evidenziamo che, per quanto riguarda l'ingiuria, il nuovo provvedimento all?esame della Camera, prevede una multa fino a 650 Euro mentre, per la diffamazione semplice, non a mezzo stampa, la multa fino a 1.500 Euro fino a toccare la quota di 2.500 Euro qualora si tratti di un fatto determinato. Il testo del nuovo provvedimento passerà all?esame della Camera nella seduta del prossimo 24 novembre.
(13/11/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF