Sei in: Home » Articoli

Diffamazione a mezzo stampa. Proposto alla Camera un nuovo testo che allontana l'ipotesi del carcere

Il 6 novembre scorso è stato depositato alla Commissione Giustizia della Camera (dalla relatrice Isabella Bertolini) il nuovo provvedimento sulla diffamazione a mezzo stampa che, tra le novità più importanti, prevede la sostituzione del carcere con il pagamento di una multa che può arrivare fino a 7.500 Euro e un risarcimento del danno che non può superare i 25 mila Euro. Nel provvedimento, che estende i contenuti della norma anche ai siti Internet con natura editoriale, è anche previsto il termine annuale per la prescrizione dell'azione civile, che inizia a decorrere dalla data di pubblicazione della notizia e inoltre il fatto che il direttore o il vice direttore responsabile, risponderanno solo con una pena ridotta di un terzo. Per quanto riguarda poi l'eventuale rettifica, l'autore della pubblicazione offensiva, deve pubblicarla, a proprie spese ed entro tre giorni dalla richiesta, su almeno due quotidiani a tiratura nazionale.
In queste eventualità la multa scenderebbe fino a 375 Euro. Tra le altre novità proposte, evidenziamo che, per quanto riguarda l'ingiuria, il nuovo provvedimento all?esame della Camera, prevede una multa fino a 650 Euro mentre, per la diffamazione semplice, non a mezzo stampa, la multa fino a 1.500 Euro fino a toccare la quota di 2.500 Euro qualora si tratti di un fatto determinato. Il testo del nuovo provvedimento passerà all?esame della Camera nella seduta del prossimo 24 novembre.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/11/2003 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF