Sei in: Home » Articoli

Cassazione: giudizio d'appello e divieto di 'ius novorum'.

giudice giustizia bilancia cassazione sentenza
Sentenza Cassazione Civile, sezione seconda, n. 23449 del 19 Dicembre 2012
La sentenza in oggetto sottolinea e ribadisce come non tutte le eccezioni processuali e di merito siano indiscriminatamente sollevabili in sede di appello. 
In tema di condominio (nella specie il contenzioso riguarda una questione di comproprietà del cortile condominiale) la parte soccombente, in sede d'appello, ha sollevato un'eccezione riguardante l'ambito oggettivo del giudicato, contestandone appunto l'operatività nei propri confronti. 

La Suprema Corte, qualificando tale contestazione come una vera e propria eccezione processuale in senso stretto, ne ha sancito l'inammissibilità ex articolo 345 codice di procedura civile. Ai sensi del predetto articolo infatti è fatto divieto, nell'atto di appello, di porre domande e di sollevare eccezioni nuove. 

Le uniche eccezioni ammesse sono quelle espressamente previste dalla legge, ed in particolare si tratta delle eccezioni rilevabili d'ufficio dall'organo giudicante, nonché dalla domanda degli interessi nel frattempo maturati e dell'eventuale richiesta di risarcimento del danno nel caso in cui il giudizio d'appello riformi la sentenza di primo grado. Anche la recente riforma del processo d'appello (legge 7 Agosto 2012 n.134) ha mantenuto e confermato tale stringente regola. 

Nel caso di specie, essendo tale eccezione stata proposta soltanto in sede d'appello e, pur trattandosi di una questione particolare, non già in pendenza di giudizio di merito, la stessa è considerata “nuova” e di conseguenza è stata respinta in base al consolidato principio che vieta la proposizione di ius novorum in sede d'appello.
Vai al testo della sentenza 23449/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/01/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF