Sei in: Home » Articoli

Cassazione: irrilevanti ai fini dell'addebito i ripetuti tradimenti se non si prova che sono stati la causa della crisi coniugale

violenza donne lite coniugi separazione maltrattamenti
Con la sentenza n. 23426/2012, la Corte di Cassazione torna sul tema del tradimento e dell'addebito della separazione, ricordando che grava sulla parte che richieda l'addebito della separazione all'altro coniuge, per l'inosservanza dell'obbligo di fedeltà, l'onere di provare la relativa condotta e la sua efficacia causale nel rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza, mentre, è onere di chi eccepisce l'inefficacia dei fatti posti a fondamento della domanda, e quindi dell'infedeltà nella determinazione dell'intollerabilità della convivenza, provare le circostanze su cui l'eccezione si fonda, vale a dire l'anteriorità della crisi matrimoniale all'accertata infedeltà.

In particolare, i giudici della prima sezione civile del Palazzaccio, confermando le precedenti decisioni in tema di prova dell'addebito della separazione (Cass., 14 febbraio 2012, n. 205 e Cass., 26 settembre 2011, n. 19606) hanno ritenuto illegittimo l'addebito a carico del marito per la rilevata insufficienza di prove a fondamento della «condotta deprecabile» attuata da lui: sono irrilevanti le numerose relazioni extraconiugali, da cui sono nati dei figli, l'abbandono del tetto coniugale e il disinteresse per la famiglia legittima.
Vai al testo della sentenza n. 23426/2012
(16/01/2013 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Condominio: il condizionatore voluminoso va rimosso
» Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
» Licenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
In evidenza oggi
Avvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisiAvvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisi
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF