Sei in: Home » Articoli

Responsaabilità medica: danno da lesione della 'cenestesi lavorativa'

medici operazione medico
Con la sentenza n.19767/2012 la Cassazione ha chiarito che il paziente che ha subito un intervento chirurgico sbagliato, non ha diritto al risarcimento del danno da lesione della "cenestesi lavorativa" (ossia al danno che deriva dalla maggiore usura, fatica e difficoltà incontrate nello svolgimento di un'attività lavorativa pur senza una diminuzione della capacità reddituale) se non da la prova del fatto che la mancanza dell'organo erroneamente asportato abbia di fatto comportato un'eccessiva fatica e difficoltà nello svolgimento del lavoro.

In sostanza, spiega la Corte, chi intende richiedere questo tipo di danno deve fornire una prova concreta delle maggiori usura, fatica e difficoltà nello svolgimento del lavoro una volta ripreso.

Nel caso preso in esame dalla Corte si è ritenuto che nella fattispecie un semplice danno estetico all'addome e una malattia psichica con un'invalidità del 10% non possano aver reso più usurante la gestione di un negozio di capi di abbigliamento.

Corretta dunque la decisione della Corte d'appello di Palermo che nel liquidare i danni alla parte danneggiata ha ritenuto di escludere il danno da "cenestesi lavorativa".

Proprio con riferimento alla mancata liquidazione del danno della cenestesi lavorativa la Corte evidenzia che non risulta siano state provate "le maggiori usura, fatica e difficoltà nello svolgimento del lavoro", una volta ripreso.

In ogni caso, spiega la Corte, "si tratta di valutazione di puro fatto non sindacabile in sede di giudizio di legittimità".
Vai al testo della sentenza 17967/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/12/2012 - Alba Mancini)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF